Depositare i soldi all’estero conviene?

Sempre più italiani, spaventati dal deterioramento della crisi economica, stanno valutando di portare i propri risparmi all’estero così da dormire sonni tranquilli qualora la situazione dovesse precipitare. Spesso si parla di piccoli risparmiatori che possono contare su somme di denaro non molto alte. Tuttavia, depositare i propri soldi all’estero comporta il dover affrontare alcune problematiche non indifferenti e, sopratutto, affrontare dei costi. A questo punto quello che viene lecito domandarsi è: ne vale realmente la pena? A questo proposito abbiamo cercato di fare il punto della situazione valutando pro e contro di un eventuale spostamento dei propri risparmi presso un conto bancario in un paese sicuro.

Quello che ci teniamo a sottolineare è che ci sono dei modi del tutto legali di portare i propri soldi all’estero e, pertanto, invitiamo chiunque voglia procedere in questa direzione a rispettarli. Questo perchè qualsiasi strada si decida di percorrere è fondamentale fare le cose rispettando le normative vigenti.

Ricordiamo, infatti, che per operare nella massima trasparenza è importante effettuare eventuali spostamenti di denaro presso i conti correnti bancari all’estero sempre tramite bonifico bancario o altro mezzo che permetta la tracciabilità del flusso. Qualora il denaro fosse trasferito in contanti, invece, andrebbe regolarmente dichiarato come da normativa vigente.

Depositare i soldi all’estero – vantaggi

Mettere al sicuro i propri soldi: ormai lo abbiamo ben capito in questi ultimi 6 mesi, se la situazione dovesse degenerare Spagna e Italia sarebbero i prossimi paesi a rischio. A questo punto la crisi prenderebbe immediatamente una piega più drammatica velocizzando enormemente i tempi e mettendo a rischio liquidità il sistema bancario.

Per questo lo spostare i propri risparmi su un conto corrente al di fuori dell’Italia può dare maggiore sicurezza. Inoltre la paura degli italiani è quella che lo stato possa, in un momento di assoluta necessità, decidere per un prelievo forzoso sui conti correnti bancari. Con i soldi al di fuori dei confini nazionali ciò sarebbe impossibile.

Puoi leggere anche: come aprire un conto corrente bancario all’estero

Depositare i soldi all’estero – svantaggi

Ovviamente non sono tutte rose e fiori. Aprire un conto corrente all’estero comporta non pochi problemi e, primo tra tutti, quello relativo alla lingua. Inoltre ci sono da affrontare problematiche legate alla documentazione necessaria e alle norme di legge da rispettare per non rischiare sanzioni.

Certo, ci sono anche delle società di consulenza che si occupano solo di questo ma nel caso di piccoli capitali “la spesa non vale l’impresa” e, di fatto, potrebbero essere più i costi dei benefici.

Inoltre ci sarebbe il problema della scelta del paese. Qualora l’italia dovesse avere problemi di liquidità bancaria significherebbe che il paese è molto vicino al default finanziario. A questo punto non sarebbero molte le economie che rimarrebbero immuni da un disastro di tale portata.

Certamente sarebbe da evitare un paese dell’eurozona perchè perfino la Germania potrebbe ricevere dei durissimi contraccolpi da uno scenario di questo tipo. Certo ci sarebbe sempre la Svizzera, paese vicino all’Italia e dove tradizionalmente ci si mettono i soldi al sicuro e pronti per ogni evenienza ma, anche in questo caso, aprire un conto in svizzera per importi molto bassi spesso non vale la candela.

Conclusioni

Ovviamente nessuno può sapere come questa crisi evolverà e, sopratutto, quali saranno le ripercussioni per il nostro paese. Il comportamento che ci sembra più ragionevole tenere è quello di lasciare i soldi sul proprio conto corrente bancario qualora non si disponesse di grandi capitali. Al momento, infatti, non ci risultano essere le motivazioni per aprire alla possibilità che si verifichino scenari di questo tipo nel breve periodo.

Qualora si disponesse di capitali maggiori, invece, si può sempre decidere di portare una parte dei propri risparmi all’estero oppure di aprire dei conti e di trasferire li il denaro solo nel caso in cui la situazione dovesse degenerare. Il consiglio che ci sentiamo di dare è quello di scegliere con cura sia il paese che l’istituto di credito in cui spostare i soldi. Qui di seguito è possibile trovare l’elenco, redatto da Global Finance, delle 10 banche più sicure del mondo:

1. KfW

2. Caisse des Depots et Consignations (CDC)

3. Bank Nederlandse Gemeenten

4. Zuercher Kantonalbank

5. Landwirtschaftliche Rentenbank

6. Rabobank Group

7. Landeskreditbank Baden-Wuerttemberg-Foerderbank

8. Nederlandse Waterschapsbank

9. NRW. Bank

10. Royal Bank of Canada

Add Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi