Fusione Deutsche Borse-Nyse Euronext

Uno dei mercati più importanti sia per il trading tradizionale che per il trading online (in versione CFD) è sicuramente rappresentato dagli indici, ovvero dalle Borse finanziarie di ogni Paese a livello mondiale. In tale contesto l’accordo tra New York e Francoforte raggiunto il 15 febbraio 2011 rappresenta un’importante novità che giocherà un ruolo interessante negli investimenti del mercato indici.

È infatti ufficiale: Deutche Borse e Nyse Euronext hanno unito le forze in un’unica piazza finanziaria che si presenta come la più grande del mondo.

L’accordo vede la creazione di una nuova società dalla fusione delle due Borse che sarà di diritto olandese; i colloqui in merito a questo progetto avevano avuto inizio con l’annuncio dell’unione tra London Stock Exchange e borsa di Toronto. È chiaro come sia in atto un processo di assestamento dell’intero settore, difatti corre voce di un prossimo matrimonio tra i mercati di Singapore e Sydney.

L’accordo di fusione della nuova borsa prevede la maggioranza delle quote riservata a Deutsche Bank (60%) mentre il Nyse ne riceverà il 40%; anche la sede sarà doppia con un ufficio a Francoforte e uno a New York e gli analisti finanziari si aspettano sinergie per 300 milioni di euro.

L’unione delle due borse rappresenta un evento molto importante per gli investitori e trader poichè ha un impatto diretto sull’andamento dei mercati, in particolare su quello degli indici. Un elevato numero di trader ha ormai incluso i CFD (Contratti per Differenza) nel proprio portfolio d’investimenti come una valida alternativa al trading tradizionale; il CFD trading permette infatti l’accesso a migliaia di mercati attraverso un minimo deposito iniziale in quanto si basa sullo sfruttamento dell’effetto leva finanziaria.

In pratica la posizione CFD che l’investitore apre relativamente ad un indice può essere long o short a seconda che egli preveda rispettivamente un rialzo o ribasso del valore dell’indice stesso. Il trading online si fonda sulla possibilità di fare trading senza mai possedere fisicamente lo strumento finanziario sottostante che è oggetto del trade, il trader infatti gestisce la posizione CFD a seconda della propria previsione sul futuro andamento dello strumento sottostante e quindi guadagnerà o perderà dalla differenza di prezzo che intercorre tra apertura e chiusura della posizione. I mercati su cui operare sono migliaia e vedono in prima linea indici, azioni, forex e materie prime.

Come dimostrano le ultime news relative alle fusioni tra borse è fondamentale che chiunque operi con il CFD trading sia sempre informato su tutti quei fattori che influenzano l’andamento dei mercati finanziari; in questo modo si avrà sempre una visione aggiornata sui vari movimenti, utile allo sviluppo di grafici e previsioni volti ad un trading online di successo nel lungo termine.

In Italia ci sono svariate società che offrono servizio di CFD trading. Prima di scegliere a quale affidarsi è essenziale verificare efficienza della piattaforma di trading offerta e reputazione nel settore.

Add Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi