Benzina: ormai si va verso i 2 euro

Il costo del carburante sembra non avere più un freno e, di conseguenza, il costo che occorre pagare per fare il pieno alla propria vettura. Ormai la direzione è quella dei 2 euro tanto che nella giornata di ieri si sono registrate punte massime, per la verde, di 1,95 euro nei distributori del centro Italia (dove la benzina sembra costare qualcosina di più che nel resto del paese). Una situazione davvero insostenibile per le famiglie italiane e che rischia di aggravarsi ulteriormente se, come sembra, il governo deciderà di attuare la modifica dell’iva al 23% come deciso lo scorso anno nel decreto Salva Italia. Proprio per testimoniare la situazione di difficoltà degli italiani abbiamo provato a fare un piccolo test per cercare di capire quanto costa un pieno di benzina o di diesel alla propria vettura.

Per prima cosa c’è da sottolineare che i rincari più grandi sono stati effettuati sul gasolio (non a caso la quota di vetture diesel era aumentata negli ultimi anni) che ora arriva quasi a sfiorare il prezzo della benzina verde.  Non a caso si registrano punte di 1,85 euro al litro e una media nazionale che si aggira tra 1,76 e 1,80 euro al litro.

Ma per comprendere meglio gli aumenti che hanno caratterizzato gli ultimi anni vediamo di analizzare questa breve tabella che abbiamo realizzato per comparare il costo del carburante dal 2000 al 2012, sia per quanto riguarda il costo del singolo litro di carburante che per quello relativo al pieno.

Come si evince dalla tabella il costo della benzina verde è aumentato in 12 anni di quasi l’80% passando da 1,08 euro al litro a oltre 1,80 euro al litro. Sorte peggiore è toccata al gasolio che è aumentato del 95% passando da 0,89 euro al litro agli attuali 1,75 e oltre.

Tuttavia il costo di un litro di carburante non consente di capire quale sia la variazione reale del prezzo della benzina alla pompa. Per capirlo meglio è opportuno analizzare anche il costo medio di un pieno. In questo caso per la verde si è passati dai 48,6 euro del 2000 agli 83 euro di oggi mentre per il gasolio si è passati da circa 40 euro ai 78,8 di oggi.

Stando a questi dati possiamo quindi affermare che, oggi, fare il pieno alla propria vettura costa circa il doppio di quanto non costasse solo 12 anni fa. Purtroppo la stessa sorte non sembra sia toccata agli stipendi che sono cresciuti in maniera decisamente minore.

Ma l’aspetto più preoccupante è che il trend al rialzo non sembra ancora essere cessato tanto che molti analisti sono pronti a scommettere in ulteriori rialzi nel corso del 2012 per via delle tensioni con l’Iran (uno dei maggiori produttori di greggio) e del probabile aumento dell’Iva al 23%.

Senza considerare che il deprezzamento dell’euro rispetto al dollaro non potrà far altro che peggiorare ulteriormente la situazione penalizzandoci anche nel cambio.

Continua a leggere:

Add Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi