Il folle gesto di una persona normale

Come tutti ben sanno ieri un uomo ha sparato diversi colpi di pistola davanti a Palazzo Chigi ferendo 2 carabinieri di cui 1 in modo grave. L’uomo sembrerebbe essere una persona assolutamente normale, non legata ne ad associazioni mafiose ne, tantomeno, a gruppi anarchici o terroristici. Solo un uomo come tutti noi, stremato dalla separazione con la moglie e dai problemi economici che lo attanagliavano da quando aveva perso tutto ai videopoker. Insomma, una persona come tante altre, forse solo un po più stanca della vita, alla ricerca di un gesto eclatante. Durante l’interrogatorio con gli investigatori l’uomo ha detto più volte che sperava di colpire qualche politico.

spari davanti palazzo chigi

Questo dovrebbe far riflettere. Parliamoci chiaro, il gesto va condannato nella maniera più assoluta ma, a mio avviso, andrebbe analazzato anche dal giusto punto di vista. Perchè un gesto del genere era nell’aria da tempo. Erano mesi che andavo dicendo che se le cose continuavano così prima o poi qualcuno avrebbe fatto un gesto eclatante.

Era nell’aria che qualcosa non andava e la mia paura è che a questo ne possano seguire altri. La gente è stanca di vivere tra mille problemi e di vedere che chi dovrebbe lavorare per rendere tutto migliore si comporti come ben sappiamo. In un paese come il nostro pieno di persone disoccupate e con gravi problemi economici abbiamo appena assistito alla seconda nomina di un governo non eletto dal popolo.

In un paese in cui le aziende continuano a chiudere senza tregua parlamentari pagati 20 mila euro al mese si permettono il lusso di scherzare con la nomina del Presidente della Repubblica dopo che da oltre 50 giorni l’Italia era, di fatto, senza un governo. In un contesto del genre è normale che poi gli stessi politici siano sfogo e obiettivo di questi gesti drammatici e senza senso.

E mi rammarica dover ammettere che in un contesto del genere ci sono buone probabilità che gesti stupidi come quello di ieri possano ripetersi. Tutto ciò è molto triste, ma lo è ancor di più se penso che ciò accada in un paese come il nostro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi