Fondo Casalinghe: come iscriversi e requisiti

Fondo Casalinghe: come iscriversi e requisiti

Il Fondo Casalinghe è il fondo di previdenza che si rivolge alle persone che svolgono lavori non retribuiti che derivano da attività familiari.

Possono iscriversi al fondo tutti i soggetti, qualsiasi sia il sesso, di età compresa tra i 16 ed i 65 anni di età, nei seguenti casi:

  •     esercitano lavoro in famiglia che non viene retribuito e derivante da responsabilità familiari;
  •     non percepiscono una pensione diretta;
  •     non svolgono qualsiasi altra attività lavorativa, sia come dipendenti che autonomi, per le quali è previsto l’obbligo di iscrizione ad altro ente previdenziale;
  •     esercitano una attività lavorativa part-time ma che in base all’orario ed all’ammontare della retribuzione percepita, registra un numero di settimane insufficienti per ottenere il diritto alla pensione.

 Come iscriversi al Fondo Casalinghe

Per iscriversi al Fondo Casalinghe è necessario presentare la domanda di iscrizione per via telematica servendosi di una delle seguenti modalità:

  •     Internet: adoperando i servizi telematici direttamente accessibili dai cittadini mediante apposito PIN personale rilasciato dall’istituto, sul sito www.inps.it;
  •     telefono: chiamando il contact center al numero gratuito 803164 da rete fissa o al numero a pagamento 06164164 da rete mobile;
  •     patronati: ricorrendo ai servizi telematici offerti dai patronati.

Se tutto è in regola, la domanda viene accolta in modo automatico ed i soggetti interessati possono incominciare ad effettuare i versamenti una volta ricevuta la comunicazione di accoglimento della richiesta, alla quale vengono allegati i primi bollettini di conto corrente postale precompilati per eseguire il pagamento.

L’iscrizione è valida dal primo giorno del mese successivo a quello in cui è stata presentata la domanda.

Fondo Casalinghe: quanto si paga

L’importo dei versamenti è completamente libero, anche se occorre osservare che versando almeno 25,82, euro sarà accreditato almeno un mese di contribuzione.

L’Inps segnerà a credito dei soggetti, per ogni anno, un numero di mesi di contributi pari all’importo complessivo versato nell’anno diviso per 25,82 euro.

Il versamento può essere eseguito in qualsiasi periodo dell’anno, adoperando i bollettini di conto corrente postale che l’Inps stessa invia a casa, in allegato alla lettera di accoglimento dell’iscrizione.

Da osservare che i contributi versati sono interamente deducibili dal reddito imponibile Irpef del dichiarante.

 Prestazioni Inps

Sono a carico dell’Inps, le prestazioni seguenti:

  •     pensione di inabilità, con almeno 5 anni di contributi, se è intervenuta l’impossibilità a svolgere qualsiasi attività lavorativa
  •     pensione di vecchiaia, a partire dal 57° anno di età, a condizione di aver versato 5 anni di contributi.

Per quanto riguarda la pensione di vecchiaia, viene liquidata soltanto se l’importo dovuto risulta pari a 1,2 volte l’assegno sociale, importo che non viene più considerato al compimento del 65esimo anno di età.

La pensione ai superstiti non è prevista.

La domanda di pensione potrà  essere inviata sempre servendosi  del canale telematico, ed il suo ammontare viene conteggiato secondo il sistema di calcolo contributivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi