Concorso Esercito 2016: requisiti, selezione e domanda

Il Ministero della Difesa ha avviato un nuovo bando di concorso che prevede il reclutamento di 1750 volontari VFP1 dell’Esercito Italiano. Il concorso si propone di inserire volontari in ferma prefissata per un anno, e per una data di immissione prevista per il mese di Marzo 2016. Ecco dunque tutte le informazioni utili sui termini, i requisiti, le prove e la suddivisione dei posti previsti dal bando di concorso.

Concorso Esercito 2016: i termini di suddivisone dei posti

Per quel che riguarda la suddivisione in categorie dei posti a disposizione (che ricordiamo essere 1.750), il concorso stabilisce questa ripartizione: 1.702 posti a disposizione per incarico/specializzazione assegnato dalla Forza Armata, 12 posti per il ruolo di muratore, 12 per meccanico di automezzi, 12 per elettricista e altri 12 per il ruolo di idraulico.

Per rispondere alle condizioni dettate dall’art. 702 del Decreto Legislativo n.66 del 2010, è bene precisare che il 10% dei posti disponibili verranno assegnati ai candidati appartenenti alle seguenti categorie: diplomati presso scuole di formazione militare, assistiti dall’Istituto Andrea Doria per l’assistenza di familiari e orfani del personale della Marina Militare, assistiti dell’Opera Nazionale di Assistenza per gli orfani dei militari di carriera dell’esercito, assistiti dell’Opera Nazionale dei Figli degli Aviatori, assistiti dell’Opera Nazionale di Assistenza per gli orfani dei militari dell’Arma dei Carabinieri e figli di militari che hanno perso la vita in servizio.

Ciò significa che di 1.750 posti disponibili, 175 devono andare per legge a soggetti che appartengono ad almeno una delle categorie su enunciate. Si tratta di una norma voluta per far sì che le persone che hanno dedicato tempo e passione ad una qualsiasi forza militare o ad una forza dell’arma possano, in qualche modo, beneficiare di un riconoscimento in fase di reclutamento dei concorsi militari.

Concorso Esercito 2016: requisiti per parteciparvi

Per partecipare al bando di concorso relativo ai volontari VFP1 da inserire nell’Esercito, è necessario soddisfare contemporaneamente tutti i seguenti requisiti:

  • Essere in possesso della cittadinanza italiana;
  • Avere un’età compresa tre i 18 e i 25 anni;
  • Essere quanto meno titolari di una licenza media (oggi definita come diploma di istruzione secondaria di primo grado);
  • Essere in pieno possesso dei diritti civili e politici;
  • Non avere alcuna condanna alle proprie spalle in merito a delitti commessi con dolo, né procedimenti penali in atto che riguardino delitti non colposi;
  • Non essere stati destituiti o dichiarati decaduti da un impiego nella Pubblica Amministrazione, non essere stati licenziati a seguito di un procedimento disciplinare, né essere stati prosciolti – d’autorità o d’ufficio – da un precedente ruolo nelle Forze Armate o di Polizia (a meno che non sussistesse una inidoneità di tipo psicofisico);
  • Aver sempre mantenuto una condotta incensurabile;
  • Non aver mai subito passivamente delle misure di prevenzione;
  • Essere in possesso di una idoneità psico-fisica;
  • Non aver dato libero sfogo a comportamenti infedeli alla Costituzione repubblicana e in qualche modo contrari alla sicurezza dello Stato nei confronti delle istituzioni democratiche;
  • Risultare positivo ai test riguardanti l’abuso di alcool e l’uso di sostanze stupefacenti o psicotrope;
  • Non risultare già in servizio in qualità di volontario nelle Forze Armate.

Concorso Esercito 2016: come funziona la selezione

Dopo aver chiarito come avrà luogo la suddivisione dei posti a disposizione e specificati i requisiti necessari per accedere al bando di concorso, vediamo ora come funziona la selezione vera e propria. L’iter previsto è sostanzialmente questo:

Fase di selezione – Nella prima fase vengono raccolte e verificate le domande pervenute da tutti i candidati, e naturalmente si procede in questa stessa circostanza con l’esclusione dei soggetti ritenuti non idonei rispetto ai requisiti richiesti. Ogni domanda viene peraltro approfondita per far sì che il contenuto e le autocertificazioni presentate dai candidati siano corrispondenti al vero: gli accertamenti sono di competenza della DGPM che, una volta adempiuto questo step, inoltra le domande alla Commissione Valutatrice. Quest’ultima, a sua volta, ha il compito di valutare i titoli di merito e quello di formare la graduatoria unica.

Fase di reclutamento – A questo punto ha luogo il reclutamento, laddove i candidati vengono convocati presso i Centri di Selezione appositamente indicati dalla Forza Armata per far sì che possano svolgersi le prove di efficienza fisica. Ha perciò inizio l’accertamento dei requisiti psico-fisici e la prova attitudinale. Sulla base di ciò si creano cinque distinte graduatorie di merito che vengono differenziate per tipologia di posto; e che vengono redatte in base alla valutazione dei titoli e al punteggio ottenuto da ciascun candidato in sede di prova fisica. La DGPM dovrà a questo punto approvare le graduatorie stilate.

Fase di assegnazione – C’è poi l’ultima fase in cui può prendere il via l’assegnazione ai vari Reggimenti addestrativi della Forza Armata da parte dello Stato Maggiore dell’Esercito. E il tutto si chiude mediante decretazione dei candidati ammessi alla ferma prefissata!

Concorso Esercito 2016: come e quando presentare la domanda

Per partecipare al reclutamento di volontari VFP1 dell’Esercito è necessario inviare una domanda telematica direttamente mediante il portale web del Ministero della Difesa (sezione Concorsi). Per farlo è necessario registrarsi al sito e compilare il modulo apposito in ogni sua minima parte. Ma attenzione: la procedura di invio delle domande è iniziata il 4 Novembre 2015 e si concluderà il 3 Dicembre prossimo! Nel bando ufficiale è comunque possibile prendere visione del funzionamento completo della procedura di concorso.

Add Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi