Miglior conto corrente: come sceglierlo

denaro contoUn conto corrente consente di eseguire operazioni bancarie con quotidianità. All’interno di questo “macro prodotto” e in base alle esigenze e al profilo del cliente, possiamo trovare diverse sottocategorie, tra cui i conti dedicati a bambini e giovani, i conti correnti per i pensionati, e quelli aziendali (utili anche per i lavoratori autonomi).

Come scegliere il miglior conto corrente: che cosa considerare?

Controllare se il conto ha delle commissioni

Le banche addebitano solitamente delle commissioni per i conti correnti, così come per alcuni servizi più o meno di base (assegni, carte di credito, ecc).

Ad oggi ci sono molte banche, soprattutto online, che offrono conti correnti a zero spese, ovvero conti senza commissioni, quindi vale sempre la pena controllare e confrontare piuttosto che aprire il primo conto corrente che capita.

Valutare le funzionalità ed i vantaggi del conto

In linea generale, diciamo che ogni conto deve offrire quanto meno i servizi di base, come ad esempio la gestione dello stesso e la possibilità di fare operazioni (solitamente fare e ricevere bonifici), oltre che una carta bancomat che possa permettere di effettuare pagamenti o di prelevare denaro presso gli ATM.

Valutare la facilità di gestione online

Oggi, nel 2018, è fondamentale anche che una banca offra la gestione del conto online, tramite sito web e/o app dedicata.

Sono finiti i tempi in cui per controllare il saldo di conto, o per fare delle operazioni basilari, bisognava andare in banca.

Oggi è fondamentale fare tutto su internet, e per questo motivo è importante che l’istituto di credito offra una gestione online del conto e un’app con cui effettuare operazioni.

Tante banche permettono, tramite la propria area riservata del conto, di richiedere anche dei prestiti o dei mutui, oltre che di investire nel trading (ad esempio, Fineco).

Quali operazioni deve consentire un conto corrente?

Una delle principali caratteristiche dei conti correnti è l’ampiezza delle operazioni a cui i proprietari possono accedere. Tra le principali, troviamo:

  • emissione e ricezione bonifici
  • impostazioni degli addebiti di pagamento diretti
  • possibilità di pagamento delle imposte
  • uso della carta bancomat, della carta di debito e / o di credito
  • possibilità di sottoscrivere altri prodotti finanziari della stessa banca (conti deposito, prestiti, mutui, assicurazioni, ecc.)

Conti correnti e buoni Amazon o iPad, convengono?

Se è vero che una delle principali funzionalità dei conti correnti è quella di consentire operazioni bancarie, dall’altro lato c’è anche da considerare che le banche offrono vantaggi extra non da poco a chi apre un conto con loro.

Si tratta di operazioni di marketing ben studiate che puntano ad accaparrare il maggior numero possibile di clientela.

Alcuni esempi sono le banche che propongono dei buoni Amazon o di partecipare all’estrazione di iPad, o altri dispositivi tecnologici, a tutti i clienti che aprono il conto entro un certo periodo di tempo promozionale.

Se convengono o meno, dipende tutto da se si ha bisogno di un conto corrente o no. Se la risposta è “sì”, allora usufruire della promozione permette di avere un vantaggio extra da non sottovalutare, altrimenti diventa inutile aprire un nuovo conto solo per ottenere il buono o l’oggetto tech, alla fine tra tempo richiesto per l’apertura e costi vari (ricordiamo che il conto corrente è soggetto a bollo statale annuale) vantaggi e costi andrebbero a pareggiare.

Come trovare i migliori conti correnti?

Il modo migliore è comparare i conti correnti offerti da varie banche con l’obiettivo di trovare quello che si adatta meglio alle proprie necessità.

Su internet ci sono tanti servizi dedicati, come il comparatore di conti correnti ConfrontaConti.it , oppure l’elenco di migliori conti correnti (anche a zero spese) di concorrenzaediritti.it .

A proposito di questo articolo, in conclusione

Lo scopo di questo articolo è informare l’utente delle principali linee guida da tenere in considerazione quando si cerca un conto corrente.

Sappiamo che non è certamente facile scegliere un buon conto perché ci sono tante offerte e ognuna sembra davvero la migliore, ma con un po’ di pazienza, sarà sicuramente possibile trovare la soluzione ideale.

Se proprio non dovesse andar bene, ricordate che in Italia chiudere un conto corrente è un’operazione che le banche devono fare, per legge, senza applicare alcun costo a carico del cliente, per cui diventa anche facile, veloce e non costoso cambiare istituto di credito.

Add Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi