India e Ue partner naturali per l’economia verde

ambiente

Mentre il mondo cerca di riprendersi dall’impatto della pandemia di Covid-19, la ristrutturazione, la resilienza e la diversificazione dell’economia e della catena di approvvigionamento sono priorità chiare. Alla base di questo c’è l’imperativo della crescita verde. Gli investimenti industriali e tecnologici devono essere ecologicamente sostenibili e contribuire alla battaglia contro il riscaldamento globale.

In questo contesto, la sostenuta adesione dell’India agli impegni della COP 21 di Parigi sul clima offre opportunità. L’India è il primo grande Paese a tentare l’industrializzazione e l’urbanizzazione su larga scala riducendo anche l’intensità della dipendenza dai combustibili fossili. A Parigi nel 2015 promise di ridurre l’intensità delle emissioni di gas a effetto serra del suo PIL del 33-35% (sotto i livelli del 2005) entro il 2030.

L’India è nel bel mezzo di un programma di rimboschimento di portata insolita. Secondo il “Rapporto sullo stato della foresta dell’India nel 2019”, l’area coperta da foreste e alberi è aumentata di oltre 16.000 km quadrati nei cinque anni precedenti. Per contestualizzare questa cifra, equivale a più della metà del territorio del Belgio. Pochi Paesi hanno mostrato guadagni così consistenti nell’espansione della copertura forestale. Quando il programma in corso sarà completato, l’India dovrebbe piantare 1,25 miliardi di alberi in più, soprattutto lungo le autostrade nazionali in costruzione o in espansione.

Dal 1 ° aprile 2020, tutte le auto vendute in India sono conformi agli standard sui carburanti Bharat Stage VI (l’equivalente di Euro VI). Nonostante la formidabile logistica, il Paese è passato dagli standard sui carburanti Euro IV a quelli Euro VI in un deciso tentativo di affrontare l’inquinamento automobilistico. Parallelamente, l’adozione di veicoli elettrici viene incentivata con agevolazioni fiscali e potenziamento dell’infrastruttura di ricarica.

L’enfasi interna dell’India è stata rispecchiata dai suoi sforzi esterni. Il governo di Modi è tra i più forti sostenitori internazionali delle energie rinnovabili. Co-fondata da India e Francia, l’International Solar Alliance ha tenuto la sua conferenza inaugurale a Nuova Delhi nel 2018. L’Alleanza si è estesa a circa 90 paesi, comprese le nazioni delle piccole isole e quelle del sud del mondo che sono vulnerabili ai cambiamenti climatici. Sta lavorando per facilitare la finanza e la tecnologia che espande l’uso di energia solare a prezzi accessibili. Un tale approccio nasce dalla convinzione che il cambiamento climatico sia una sfida globale che richiede risposta e collaborazione globali.

L’India e l’Unione europea sono partner naturali nella ricerca della sostenibilità ambientale, della mitigazione dei cambiamenti climatici e della crescita e sviluppo verdi. Speranze e sforzi comuni potrebbero definire la partnership nell’era post-coronavirus.

La continua flessibilità nel sostenere la strategia verde dell’India aiuterà il Paese ad andare ancora oltre. Ciò richiede un’attenta combinazione di obiettivi, ove possibile (come per le energie rinnovabili) e l’incentivazione di pratiche commerciali sostenibili e preferenze sull’energia pulita. Risultati migliori trarrebbero vantaggio da finanziamenti a lungo termine e investimenti nel settore verde dall’Europa, nonché da protocolli di condivisione tecnologica liberali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi