Debiti dopo il divorzio: chi li paga? Ecco come capirlo

Durante un divorzio come ci si regola per il pagamento dei debiti? Secondo la legge, quando due coniugi decidono di divorziare, i debiti contratti da entrambi devono essere pagati in modo congiunto per evitare la responsabilità solidale. In sostanza, quando ci si reca dal giudice per divorziare, si è soliti pensare alla divisione dei beni acquistati in regime di comunione, ma vanno valutati anche i debiti che dal canto loro non possono non avere un peso.

Per quanto riguarda i debiti contratti dopo il divorzio, è ovvio e naturale che l’ex non debba farsi carico degli stessi e che l’unico obbligo vigente sia quello riguardante l’assegno di mantenimento. Il discorso però cambia per le obbligazioni nate durante il periodo del matrimonio.

Se i coniugi, all’atto del matrimonio, avevano sottoscritto un accordo di comunione dei beni, i debiti contratti durante le nozze vanno chiaramente pagati in modo eguale. I creditori quindi possono rivalersi sui beni del marito e della moglie, ma solo per la metà del valore del bene: ciò significa che il marito non può rispondere al 100% del debito contratto, ma solo per il 50% del valore.

Se invece il contratto è stato sottoscritto da solo uno dei coniugi, sarà soltanto questo a dover rispondere delle obbligazioni, ma attenzione, perché in questo caso c’è una sorta di “tranello”: se il coniuge ha sottoscritto un dato contratto a suo nome, ma lo ha fatto per rispondere agli interessi dell’intera famiglia, allora in questo caso la responsabilità del debito ricade su entrambi i coniugi.

Per quanto riguarda la separazione dei beni, il discorso si fa più semplice, poiché gli oneri nascono già separati, quindi a rispondere dei debiti contratti durante il matrimonio è esclusivamente il soggetto che ha firmato per il prestito. Quindi i creditori non potranno mai accanirsi nei confronti dell’altro coniuge, e non potranno farlo né a fronte di debiti personali e tanto meno di debiti che riguardano l’intera famiglia. L’unica postilla ha a che fare con la responsabilità solidale, che vale nel caso in cui i coniugi dovessero aver sottoscritto un contratto di mutuo bancario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi