Mutui: bene Roma e Napoli, male Venezia

Continua l’analisi del mercato del credito grazie agli ultimi dati di Banca d’Italia rielaborati dal centro studi di Mutuionline.it, il più importante motore di ricerca online per i mutui. Il periodo preso a riferimento è il primo semestre del 2011 periodo nel quale continua il calo diffuso delle richieste di mutuo.

Nel complesso in questo periodo si sono erogati circa il 7% in meno rispetto allo stesso periodo del 2010. Un calo significativo che, però, ha colpito in maniera non omogenea il territorio italiano.

Aumentano i tassi dei mutui fissi e variabili

E’ stato appena pubblicato lo studio di mutuionline, il più grande servizio di comparazione di mutui sul web, sull’erogazione dei mutui da Giugno a Settembre 2011. QUello che emerge è un quadro di difficoltà delle banche che stanno tendendo ad aumentare lo spread sui finanziamenti erogati.

Insomma aumenta il costo dei mutui per le famiglie italiane e questo non è certo un dato rassicurante visto il clima di incertezza che contraddistingue questo particolare periodo.

Giovani senza mutui per la casa

Ancora pessime notizie dal fronte economico e stavolta tocca ai mutui. E’ di poche ore fa, infatti, la notizia rilasciata dal centro studi di Mutui.it secondo cui solo il 5% scarso dei giovani che richiede un mutuo riesce poi ad ottenerlo. Un dato molto preoccupante che traccia una linea chiara su quelle che siano le difficoltà attuali dei ragazzi nel nostro paese, già sotto pressione a causa di una disoccupazione prossima al 25% (si parla di disoccupazione giovanile, ovviamente).

Ma analizziamo fino in fondo questo studio sui mutui casa richiesti dai giovani effettuato da mutui.it .

Cosa fare quando non si può pagare il mutuo

Parliamoci chiaro la crisi economica di cui parliamo orami da 3 anni non è destinata a scomparire nel breve periodo… anzi negli ultimi giorni stiamo vivendo momenti di grande difficoltà con l’Italia che ha dovuto varare una manovra in fretta e furia per non restare vittima degli speculatori, l’Europa in grossa difficoltà visti i tanti paesi a rischio default e l’America (si proprio l’America) che rischia di non poter pagare i propri debiti.

Insomma in questo contesto non è difficile immaginare che ci siano davvero tante famiglie che si chiedano come sospendere la rata del mutuo per far fronte ad un momento di grande difficoltà.

Risparmiare 200 euro al mese sul mutuo casa

Come abbiamo detto in più occasioni scegliere il mutuo più adatto alle proprie esigenze può voler dire risparmiare cifre davvero importanti. Su capitali così grandi come quelli di un mutuo per la casa, infatti, basta una piccola variazione percentuale del tasso di interesse per determinare una maggiore o minore spesa anche di qualche centinaio di euro.

Per questo prima di stipulare un nuovo finanziamento o rinegoziare il proprio mutuo è bene fare attenzione ad alcuni aspetti che ci permettono di capire se, come e con quale prodotto sostituire il nostro finanziamento.

Ipoteca di mutuo: tutti i costi della cancellazione

Quanto costa cancellare l’ipoteca del mutuo? La risposta è semplice, visto che fino a poco tempo fa non era necessario pagare nulla mentre dai primi di Gennaio 2011 è tornata ad essere un’operazione a pagamento. Si tratta di un atto dovuto o dell’ennesima beffa ai danni dei consumatori? Ovviamente non possiamo entrare nel merito, ma ci limiteremo a descrivere i fatti così come sono permettendo ad ognuno di voi di realizzare un proprio giudizio personale sulla vicenda.

Dal 2008, infatti, grazie al decreto Bersani era possibile cancellare l’ipoteca gratuitamente mentre ora bisogna nuovamente rivolgersi al notaio sostenendo una spesa che, per la molti, risulta essere assolutamente non indifferente.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi