Famiglie italiane: il 15% a rischio povertà

Lo studio del Forum Ania-Consumatori (realizzato con la preziosa collaborazione dell’Università di Milano) fa un quadro preoccupante della situazione delle famiglie italiane. Ben il 15% non riesce a far quadrare il bilancio mensile ed è costretta a intaccare i propri risparmi per sopravvivere, mentre il 6% è costretta a ricorrere a prestiti o ad aiuti da parte di enti o associazioni. Una situazione di cui parliamo da tempo e che oggi viene confermata da uno studio di grande prestigio.

Purtroppo le famiglie italiane stanno soffrendo la crisi occupazionale che colpisce in particolar modo i giovani (ricordiamo che stando agli ultimi dati la disoccupazione giovanile si attesta quasi al 30%) che in questo modo continuano a gravare sulle spalle dei genitori molto più a lungo di quanto non avveniva solo 10 anni fa.

Quanto si risparmia in Italia secondo l’Acri

Il risparmio in Italia è un aspetto molto sentito tanto che ben il 44% degli italiani dichiara di avere la necessità di risparmiare per poter vivere sereno. Questo è quanto emerge dal report annuale dell’Acri che testimonia come la crisi economica abbia aumentato la voglia degli italiani di risparmiare. Nel 2010, infatti, gli italiani che dichiaravano di sentire il bisogno di risparmiare erano solo il 41% (con una differenza di 3 punti percentuali rispetto al 2011). Ovviamente tra il dire e il fare c’è molta differenza, al punto tale che di questo 44% solo il 35% riesce realmente a risparmiare (la quota era del 36% nel 2011). La crisi, infatti, produce un effetto molto contrastante: da un lato rende più insicuri (di qui l’aumento della necessità di risparmiare in previsione di periodi di difficoltà) ma, dall’altro, rende sempre più difficile riuscire a far avanzare qualcosa dal budget familiare.

Risparmiare sulla bolletta elettrica

Il risparmio è un fattore estremamente importante per la maggior parte delle famiglie italiane che si vedono costrette a fare delle vere e proprie acrobazie per arrivare alla fine del mese e far quadrare i propri conti. Spesso, però, è possibile effettuare dei grandi risparmi senza sacrificare nulla ma, semplicemente, ottimizzando i consumi dei nostri impianti o stando attenti alle “cattive abitudini” in casa. Piccoli accorgimenti che consentono di ottimizzare, in maniera davvero molto consistente, il costo delle bollette per il consumo di energia elettrica che dobbiamo pagare alla fine di ogni bimestre.

In quest’ottica c’è un piccolo trucco che permette di risparmiare il 5-10% sulla bolletta dell’energia elettrica: eliminare gli elettrodomestici in stand by.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi