Mutui under 35: le soluzioni per la casa

Come abbiamo più volte ripetuto negli ultimi mesi per i giovani under 35 ottenere un mutuo per l’acquisto di una casa può diventare un’impresa non da poco. La forte disoccupazione e gli alti spread applicati dalle banche in questo particolare contesto economico possono diventare un ostacolo insormontabile per le giovani coppie che vogliano compiere l’importante passo di metter su famiglia o di passare dall’affitto alla proprietà. Tuttavia quello che non tutti sanno è che molti istituti di credito hanno, tra i propri finanziamenti dedicati all’acquisto della prima casa, anche dei prodotti dedicati esclusivamente ai giovani al di sotto dei 35 anni. Si tratta di mutui che, generalmente, propongono dei tassi agevolati rispetto a quelli solitamente applicati sui normali finanziamenti per l’acquisto della casa.

Inoltre, qualora non si riuscisse a rientrare nelle garanzie reddituali imposte dalle banche esiste sempre la possibilità di accedere al fondo di garanzia dello Stato destinato alle giovani coppie con un reddito ISEE non superiore ai 35 mila euro all’anno. A questo punto non resta che valutare entrambe le soluzioni così da capire quali strumenti ha un giovane al di sotto dei 35 anni di età per poter acquistare un immobile.Mutui under 35

1) Mutuo Domus Superflash di Intesa San Paolo

Banca Intesa mette a disposizione un interessante prodotto dedicato ad una clientela “giovane”, ossia con un’età variabile tra i 18 e i 35 anni di età. Il finanziamento in questione presenta diverse agevolazioni rispetto agli altri prodotti della banca visto che, tanto per fare un esempio, non si pagano ne le spese di istruttoria ne le spese per l’incasso delle rate. Un altro aspetto estremamente importante è la possibilità di sospendere il pagamento delle rate fino ad un massimo di 3 volte per un periodo di 6 mesi consecutivi (quindi per massimo di 18 mesi).

Il mutuo in questione può essere stipulato sia con tasso fisso che variabile e con una durata massima di 40 anni (per il fisso) o di 30 anni (per il variabile). Il tasso al 1 Marzo era pari al 6,49% circa per il prodotto a tasso fisso e al 3,67% per il variabile ma c’è da considerare che nel frattempo i tassi dovrebbero essersi leggermente abbassati.

2) Mutuo Opzione sicura di Unicredit

L’istituto di credito Unicredit propone il mutuo Opzione Sicura, dedicato alla clientela giovane con meno di 35 anni di età. Il mutuo in questione può essere richiesto sia per l’acquisto della prima che della seconda casa e prevede un tasso di interesse misto. In sostanza si può partire sia con il tasso fisso che con il variabile per poi decidere di modificare la tipologia nel corso della durata del finanziamento stesso.

Con questo prodotto è possibile richiedere fino all’80% del valore dell’immobile che si intende acquistare e il rimborso, che avverrà in rate mensili, può durare fino ad un massimo di 30 anni. Tuttavia la banca mette a disposizione la possibilità di diminuire l’importo della rata allungando di altri 5 anni la durata purchè si sia in regola con i pagamenti.

Tra gli altri prodotti possiamo segnalare il Mutuo del Monte dei Paschi di Siena per le giovani coppie e le famiglie, un prodotto a tasso fisso o variabile che permette di ottenere fino all’80% del valore dell’immobile e può essere richiesto anche per la ristrutturazione, e quello del Banco Popolare di Verona che prevede, per i clienti entro i 29 anni di età, la possibilità di finanziare fino al 70% del valore dell’immobile con un tasso agevolato.

Qualora si volessero cercare o comparare ulteriori prodotti ricordiamo che a questa pagina (mutui casa) è possibile utilizzare il comodo motore di ricerca per verificare sul momento il miglior mutuo per le proprie esigenze.

Fondo di garanzia

Per chi non lo sapesse esiste il fondo di garanzia dello stato dedicato alle giovani coppie al di sotto dei 35 anni di età e ai single con figli minori a carico. Il fondo in questione è riservato esclusivamente all’acquisto della prima casa e permette, in sostanza, di ottenere la garanzia dello stato qualora non si disponga delle necessarie garanzie reddituali richieste solitamente dalle banche.

Grazie al fondo di garanzia è possibile richiedere fino ad un massimo di 200 mila euro purchè l’abitazione non superi i 90 metri quadri e non sia accatastata come immobile di lusso. Tra gli altri requisiti da soddisfare c’è quello reddituale, ossia i richidenti non devono superare i 35 mila euro di reddito ISEE.

Si possono ottenere maggiori informazioni direttamente sul sito del governo a questo indirizzo: Fondo di garanzia dello Stato.

Add Comment