Calano le richieste di surroga

Le richieste di mutui per surroga sono diminuite del 50% passando da una quota del 18% di Ottobre 2010 ad una del 9,7 degli ultimi 3 mesi nonostante le importanti novità introdotte nel DL liberalizzazioni voluto dal governo. Questo è quanto emerge dal report di mutui.it che ha analizzato oltre 150 mila domande di mutuo pervenute nel primo trimestre 2012. La colpa di questo calo sarebbe da imputare ai tassi di interesse estremamente alti che stanno scoraggiando molti cittadini ad usufruire di questo strumento finanziario. Il calo più corposo è stato registrato nelle regioni settentrionali e, in particolare, in Trentino Alto Adige, Friuli e Veneto dove, rispettivamente, i mutui per surroga sono diminuiti del 25,8%, del 21,44% e del 13,30, mentre mantengono valori invariati l’Umbria e la Basilicata.

Questi dati dimostrano, ancora una volta, la poca convenienza degli attuali tassi di interesse applicati dalle banche sui mutui e sui finanziamenti in genere. Da quando la crisi, circa 8 mesi fa, ha stravolto lo scenario europeo le banche hanno applicato spread molto più alti annullando, di fatto, la convenienza del ribasso dei tassi di interesse deciso dalla Banca Centrale Europea.
Per molti clienti una surroga, oggi, sarebbe molto poco conveniente. Lo stesso Lorenzo Bacca, responsabile Business Unit di Mutui.it, sottolinea che “è evidente che in questa fase di contrazione del credito e di spread elevati ottenere delle condizioni migliorative di tasso è piuttosto complesso e la domanda, prima ancora dell’offerta delle banche, ne risente”.

Novità sui mutui per surruga

Come tutti ben sappiamo nel 2007 il decreto Bersani permise di azzerare i costi per il cliente in caso di surroga visto che le spese relative all’istruttoria o all’accertamento catastale sono di competenza delle banche.

Ora con il Decreto Liberalizzazioni ha imposto che dal momento della richiesta di surroga da parte del cliente all’accettazione della banca non devono passare più di 10 giorni pena il pagamento dell’1% del valore del mutuo per ogni mese di ritardo a favore del cliente stesso.

Tuttavia, come abbiamo sottolineato, oggi chiedere la surroga di un mutuo in essere stipulato qualche anno fa potrebbe non essere così conveniente come si potrebbe pensare. Ad oggi, infatti, i tassi di interesse applicati dalla banche si aggirano, mediamente, intorno al 4% per i mutui variabili e al 6,5% per quelli a tasso fisso.

Continua a leggere:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi