Come funziona il modello 730?

Il 730 è un modello per la dichiarazione dei redditi che è stato introdotto nel lontano 1993 per permettere il rimborso delle imposte a credito in tempi brevi. Il 730, ovviamente, è un modello riservato a pensionati e lavoratori dipendenti che, così, possono ottenere il rimoborso senza dover aspettare i tempi biblici dei controlli degli uffici competenti. E’ molto utile anche per chi deve dichiarare dei redditi che vanno a integrare la pensione o lo stipendio da lavoro dipendente. Nel caso in cui dal modello emerga un credito questo verrà versato direttamente nella busta paga del mese di Luglio, altrimenti, in caso contrario la somma dovuta come imposta verrà sottratta dalla busta paga di Luglio o dal cedolino della pensione di agosto o settembre. Ovviamente, anche con le novità introdotte nel 2012, resta valida la possibilità di richiedere una rateizzazione delle imposte.

In questo articolo vedremo come funziona e chi deve compilare il modulo 730 così da togliere qualche dubbio a chi si appresta alla sua compilazione per la prima volta. Inoltre vedremo tutte le novità introdotte nel 2012 come la tassa piatta, le nuove disposizioni in materia di 5 per mills e i bonus per ristrutturazioni.Come funziona il modello 730

Come abbiamo detto il modello in questione è estremamente utile per recupare un credito d’imposta o per dichiarare dei redditi che vanno ad integrare lo stipendio da lavoro dipendente o la pensione. Proprio per questo la compilazione del 730 non è assolutamente obbligatoria (più avanti vedremo chi è esentato dal presentare la dichiarazione 730).

Per prima cosa c’è da precisare che il modello può essere presentato direttamente consegnandolo al datore di lavoratore (o l’ente pensionistico) o, in alternativa, utilizzando gli intermediari abilitati, ossia tramite i Caf, Consulenti del lavoro o Commercialisti.

Il modulo può essere scaricato direttamente dal sito dell’agenzia delle entrate: scarica il modello del 730.

Chi deve e non deve presentare il 730?

Il modello 730 deve essere presentato solo qualora si dovesse dichiarare un reddito che va ad integrare la pensione o lo stipendio da lavoro dipendente. Qui di seguito ecco un piccolo elenco dei redditi che si possono dichiarare con il 730:

1) Redditi dei terreni e dei fabbricati;

2) Redditi di lavoro autonomo per i quali non è richiesta la partita Iva;

3) Redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente (come i redditi da conslunze o da contratti a progetto)

4) Redditi assoggettabili a tassazione separata (per esempio, i redditi percepiti dagli eredi e dai legatari)

Ecco, invece, alcune delle categorie che non devono presentare il modello in questione:

1) In caso di reddito aggiuntivo da terreni o fabbircati per un importo inferiore ai 500 euro;

2) In caso si disponga di più redditi da lavoro dipendente purchè all’ultimo datore di lavoro sia stato dato mandato di tenere conto anche dei precendenti redditi;

3) In caso si abbia una rendita già soggetta a imposta sostitutiva (come quella derivata da investimenti finanziari);

Questi riportati qui sopra sono, ovviamente, solo alcuni dei casi più comuni in cui non è necessario compilare il 730 pur godendo di un reddito aggiuntivo alla pensione o allo stipendio.

Novità in vigore dal 2012

A partire dal 2012 sono state introdotte alcune novità nella compilazione del modello 730. La prima e più interessante è quella relativa ai bonus ristrutturazioni e al taglio dell’acconto Irpef. Da notare anche l’introduzione della cosidetta tassa piatta sugli affitti con cui è possibile dichiarare sia i redditi a canone libero che quelli a canone concordato.

Inoltre dal 2012 sarà possibile destinare il 5 per mille anche al finanziamento dei beni culturali e paesagistici invece che solo alle varie organizzazioni ecclesiastiche.

Add Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi