Come è andata la quotazione di Alibaba

alibabaLa scorsa settimana è stata caratterizzata dalla prima quotazione di Alibaba, il colosso cinese del commercio elettronico, sbarcato a Wall Street con una valutazione monstre: nel primo giorno dopo l’IPO, infatti, la società ha ottenuto una capitalizzazione di mercato di oltre 240 miliardi di dollari, con azioni a 68 dollari, immediato rialzo verso quota 100 dollari, e chiusura di giornata a quota 93,89 dollari, per un guadagno – in un solo giorno! – pari al 38,1%.

In altri termini, ai prezzi attuali Alibaba varrebbe circa 245 miliardi di dollari, ponendo quindi il gruppo intorno alle prime 10-12 offerte pubbliche di sempre, subito dopo i colossi della grande distribuzione (Wal Mart), ma sempre prima rispetto a Facebook e a JP Morgan. In ogni caso, rimane lontano, lontanissimo, il record degli oltre 500 miliardi di dollari toccato da Apple, e quello, altrettanto ambizioso, dei 400 miliardi di dollari di Google.

Ad ogni modo, poco importa. Alla presenza di Jack Ma, storico fondatore della società, e presto uomo più ricco della Cina, la campanella della New York Stock Exchange (la NYSE, Borsa di New York) è stata suonata da 8 clienti del portale di e-commerce cinese. Una scelta non certo casuale, per almeno due motivi. Il primo: in Cina il numero 8 porta fortuna, e a quanto pare Jack Ma vuole fare di tutto (buona stella compresa) per cercare la buona sorte sui mercati oltre confine. Il secondo: anche con questo gesto significativo, Ma vuole porre l’attenzione sui propri clienti, oggetto finale del successo del business societario.

Leggi anche: Ecco chi è Jack Ma, fondatore di Alibaba

Vi è poi un ulteriore riscontro, forse più sottile. Per Ma la giornata dello sbarco a Wall Street ha rappresentato una vera e propria rivincita nei confronti dei rivali dell’e-commerce, e non solo, che prima hanno cercato di comprare la società a buon mercato, poi l’hanno snobbata relegandola a fenomeno isolato nei confini nazionali.

Ora le cose sembrano essere drasticamente cambiate: Alibaba ha ricavi come quelli di Amazon e di eBay sommati, una capitalizzazione di mercato superiore al riferimento eBay, Twitter e LinkedIn messe insieme, e una prospettiva di crescita impressionante, favorita anche dal mercato interno.

In conclusione, ad essere felici sono anche i colleghi di Yahoo!, visto e considerato che il gruppo americano nel 2005 aveva acquistato una partecipazione di un miliardo in Alibaba, e oggi potrebbe aver incassato almeno 8 miliardi dall’operazione di IPO, vendendo 121,7 milioni di azioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi