Quanto spendiamo in Ricerca & Sviluppo?

stipendiLa ricerca è uno dei motori fondamentali dell’economia. Eppure, non sono tanti i Paesi ad aver compreso l’importanza di impiegare grandi risorse nel comparto, e soprattutto in periodi di crisi. E, purtroppo, l’Italia è anche in questo caso tra le maglie nere continentali.

Secondo quanto afferma un report curato da Eurostat, i 28 Stati membri hanno speso quasi 275 miliardi in R&D (ricerca e sviluppo), ovvero il 2,02% del Prodotto aggregato, per un incremento abbastanza significativo da quell’1,76% che aveva contraddistinto il 2004, ma pur sempre lontano, lontanissimo, dalle altre principali economie: più del 4% in Corea del Sud, il 3,38% in Giappone, il 2,81% negli Stati Uniti.

Naturalmente, trattandosi di media, c’è chi si è comportato meglio, e chi invece si è comportato peggio. Secondo quanto ricordava un approfondimento curato da La Repubblica in tal senso, lo scorso anno “le spese maggiori in rapporto al Pil sono arrivate in Finlandia (3.32%), Svezia (3.21%) e Danimarca (3.05%). A seguire, il colosso tedesco (2.94%) con l’Austria (2.81%). Sul lato opposto della graduatoria vanno Romania (0.39%), Cipro (0.48%), Lettonia (0.60%), Bulgaria (0.65%), Grecia (0.78%), Croazia (0.81%), Slovacchia (0.83%), Malta (0.85%), Polonia (0.87%) e Lituania (0.95%)”.

Leggi anche: Cosa è l’impact investing

E l’Italia? Il nostro Paese purtroppo si è posizionata in maniera attardata, con l’1,05%, poco sopra la Spagna ma ben lontana da Francia e Regno Unito. Eppure, proprio l’Eurostat ha ricordato che la competitività del vecchio Continente è al centro delle linee guida 2020, che prevedono un incremento dell’intensità degli stanziamenti per la ricerca. Fortunatamente, dal settore delle imprese private sembra muoversi qualcosa, visto e considerato che proprio dal comparto è arrivato il 64% del totale degli investimenti, seguito dall’istruzione di livello superiore (23%), dal settore pubblico (12%) e dal privato non-profit (1%).

Se desiderate disporre di maggiori informazioni sul report, vi consigliamo di consultare il sito internet dell’Eurostat (eurostat.eu): al suo interno troverete maggiori dettagli su questa e su altre osservazioni, completando in tal modo la panoramica sullo stato di salute dell’economia del vecchio Continente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi