Statali, orario di lavoro flessibile e stipendi più alti?

statali

La riforma della Pubblica Amministrazione firmata dal ministro Marianna Madia non si ferma alle norme che sono entrate in vigore finora, ma molto probabilmente aggiungerà un ulteriore tassello che, neanche a dirlo, sta già cominciando a creare un po’ di discussioni. L’ultima idea partorita dal governo è quello di procedere al tanto famigerato rinnovo dei contratti nel pubblico impiego, ma al tempo stesso di introdurre un meccanismo di flessibilità nell’orario di lavoro: l’obiettivo, insomma, è quello di inserire anche nel lavoro statale una settimana lavorativa da 40 (anziché da 36) ore.

In questo modo l’orario di lavoro verrebbe uniformato a quello vigente praticamente da sempre per i privati, anche se i lavoratori pubblici avranno ancora una volta un privilegio in più in questo senso, visto e considerato che potranno scegliere liberamente se dare disponibilità per lavorare più ore settimana o se rimanere al lavoro soltanto per le ore che già fanno. Tuttavia, coloro che accetteranno di lavorare più ore verranno chiaramente ricompensati con un aumento dello stipendio.

La proposta, a dire il vero, sembra sia pervenuta nelle mani del governo da parte del fronte sindacale; ma in un certo senso è l’esecutivo stesso a dirsi interessato dato che in questo modo le ore e le giornate lavorative dei dipendenti pubblici italiani verrebbero finalmente uniformate a quelle in vigore nel resto d’Europa.

Di questo così come di altri aspetti se ne tornerà a parlare proprio nel corso della prossima settimana. Il fatto però, è che aumentare l’orario di lavoro degli statali equivarrà a dover mettere sul piatto ulteriori risorse (del resto quei lavoratori qualcuno li dovrà pur pagare!).

Ed è proprio su questo che l’esecutivo sta mettendo mano, tenendo conto del fatto che i sindacati stanno facendo pressione anche per il rinnovo dei contratti nel pubblico impiego, altra questione che vuoi o non vuoi finirà col costare parecchi soldi: si pensi anche solo al fatto che la Confsal-Unsa ha dichiarato che per il triennio 2016-2018, un incremento in busta paga di 80 o 100 euro per gli statali necessiterebbe di uno stanziamento da ben 6.2 miliardi di euro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi