Prezzo del petrolio: si tornerà ai 30 dollari al barile?

Il prezzo del petrolio potrebbe tornare a 30 dollari al barile? Secondo Fereidun Fesharaki, presidente della società di consulenza FGE, questa è una possibilità che dovremmo cominciare a considerare, specialmente se l’OPEC deciderà di non impegnarsi in ulteriori tagli alla produzione del greggio. Nell’intervista rilasciata alla CNBC, Fesharaki ha spiegato molto chiaramente che il problema da affrontare è l’eccesso di offerta sul mercato: “C’è troppo petrolio dagli Stati Uniti, ce n’è troppo dalla Libia e troppo dalla Nigeria”, ha detto l’esperto.

Non è un caso infatti che proprio alla luce di questa sovrapproduzione il prezzo del Brent sia sceso a 48.41 dollari e quello del WTI a 49.09. In questi giorni, insomma, la quotazione dell’oro nero segna un forte ribasso soprattutto alla luce dell’aumento delle scorte statunitensi e del rialzo della produzione OPEC (nonostante gli impegni presi dicessero tutt’altro).

L’eccesso di produzione porterà quindi a un nuovo crollo del petrolio, tanto che lo spettro dei 30 dollari al barile torna ad aleggiare prepotente nell’aria. “Nonostante la domanda sia sostenuta – ha detto Fesharaki – c’è una forte probabilità che i prezzi sprofondino, entro il prossimo anno, attorno ai 30-35 dollari al barile, e che si assestino su quella soglia per un po'”.

Le considerazioni di Fesharaki vanno prese sul serio, perché parliamo pur sempre di un soggetto che studia i mercati energetici dell’Asia-Pacifico e del Medio Oriente ormai da più di 30 anni. Ma il suo avvertimento verrà ascoltato dai produttori di petrolio, o si continuerà ad andare avanti ciascuno per la propria strada e in totale sfregio ai patti che sembrava fossero stati raggiunti di comune accordo?

L’Arabia Saudita, per esempio, produce oggi 9 milioni di barili di petrolio al dì: secondo Fesharaki sarebbe opportuno tagliare 700.000 barili al giorno per mettere i prezzi in una sorta di “area di sicurezza”. Non solo, “il prossimo anno i sauditi dovranno tagliare ancora di più, per cui il prezzo del greggio dipenderà molto da ciò che deciderà l’Arabia Saudita”.

Add Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi