L’importanza del lavoro per l’economia di un Paese

lavoro usurante

In un’economia, il lavoro è la quantità di sforzo fisico, mentale e sociale utilizzato per produrre beni e servizi. Fornisce esperienza, forza lavoro e servizi necessari per trasformare le materie prime in prodotti e servizi finiti.

In cambio, i lavoratori ricevono un salario per acquistare beni e servizi. Molti paesi offrono un salario minimo per assicurare che i lavoratori riescano a coprire i costi della vita. Oltre al lavoro, i fattori di produzione che guidano l’offerta sono:

  • Terra: abbreviazione per risorse naturali o materie prime in un’economia.
  • Capitale: abbreviazione per beni strumentali, come macchinari, attrezzature e prodotti chimici utilizzati nella produzione.
  • Imprenditoria: spinta che trae profitto dall’innovazione.

In un’economia di mercato, le aziende utilizzano questi componenti dell’offerta per soddisfare la domanda dei consumatori.

Quando tutte le persone appartenenti ad una Nazione lavorano, l’economia funziona in modo molto efficiente. Inoltre, a rendere l’offerta di lavoro maggiormente dinamica è la corrispondenza tra posti di lavoro, competenze e retribuzione. Per questo motivo esiste la disoccupazione, spesso dettata dalla costante ricerca di un lavoro migliore e più redditizio.

Come viene misurato il lavoro

Forza e pool sono le due misure principali del lavoro. Una persona viene considerata parte della forza lavoro quando si rende disponibile, disposto a lavorare oppure ha cercato lavoro di recente. Le dimensioni della forza lavoro non vengono misurati considerando solo il numero di adulti presenti in un Paese, ma anche dalla probabilità che hanno di trovare lavoro.

Non tutti i disoccupati vengono automaticamente considerati come tali. Molti di loro lo sono per scelta e non sono in cerca di lavoro, come le mamme casalinghe, gli anziani in pensione e gli studenti. Quelli che, invece, hanno smesso di cercare lavoro vengono chiamati “lavoratori scoraggiati”.

Il tasso di disoccupazione reale misura tutti i cittadini adulti che vorrebbero lavorare a tempo pieno (lavoratori scoraggiati, lavoratori part-time, ecc.). Si chiama tasso di disoccupazione reale perché offre una misura più ampia di disoccupazione. La forza lavoro viene utilizzata per aiutare a determinare il tasso di disoccupazione. La formula del tasso di disoccupazione è il numero di disoccupati diviso per la forza lavoro.

Il pool di lavoro si restringe durante e dopo una recessione. Anche se molti vorrebbero un lavoro, in effetti non lo stanno cercando e, quindi, non conteggiati nella forza lavoro. Il tasso di partecipazione alla forza lavoro è la forza lavoro divisa per la popolazione civile non istituzionalizzata. In pratica, dice quante persone sono disponibili e cercano lavoro.

La quantità di beni e servizi che la forza lavoro crea è chiamata produttività. Se una certa quantità di lavoro e una quantità fissa di capitale creano molto, questa è alta produttività. Maggiore è la produttività, maggiore è il profitto. L’elevata produttività offre al lavoratore, all’azienda, all’industria o al Paese un vantaggio competitivo.

Add Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi