L’Europa sta preparando un fondo di trilioni di euro per ricostruire l’economia

I leader dell’UE hanno deciso di creare un fondo che potrebbe raccogliere almeno 1 trilione di euro per ricostruire le economie regionali devastate dalla pandemia di coronavirus.

“Questo fondo dovrà essere di entità sufficiente, destinato ai settori e alle parti geografiche dell’Europa più colpiti, e sarà utilizzato esclusivamente per far fronte a questa crisi senza precedenti”, hanno affermato i leader dei 27 paesi dell’UE in una dichiarazione dopo la videoconferenza di giovedì.

I capi dei governi dell’UE hanno chiesto ai funzionari della Commissione europea di presentare proposte dettagliate “in via urgente” che includerà anche il modo in cui il fondo di recupero si collegherà al bilancio del blocco per il 2021-2027.

L’UE ha in programma di espandere il proprio bilancio dall’1,2% al 2% del PIL e quindi utilizzare tali fondi aggiuntivi come garanzia per ottenere prestiti a tassi bassi dai mercati finanziari. Alla domanda su quanto potrebbe essere aumentato, il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha dichiarato: “La questione deve essere esaminata a fondo. Non stiamo parlando di miliardi ma di trilioni”.

I leader dell’UE hanno inoltre sottoscritto un pacchetto immediato di misure di salvataggio del valore di 500 miliardi di euro circa elaborato all’inizio di questo mese dai ministri delle Finanze. Tale pacchetto comprende 100 miliardi di euro di sussidi salariali volti a prevenire licenziamenti di massa, nonché centinaia di miliardi di prestiti alle imprese e crediti per i governi dell’Unione.

“Ci sono ragioni per un certo ottimismo che, anche se non otterremo una risposta di unita come vorremmo, la risposta fiscale dell’Europa a questa crisi potrebbe finire per essere considerevole”, ha commentato Kit Juckes, stratega macro della Societé Generale.

La risposta dell’UE, insieme agli sforzi di stimolo per diverse centinaia di miliardi di euro già concordati a livello nazionale, equivale a un enorme sforzo per impedire che la profonda recessione della regione si trasformi in una depressione in stile anni ’30.

Il Fondo monetario internazionale prevede che il PIL dell’UE diminuirà del 7% quest’anno; inoltre dati recenti suggeriscono che l’attività economica di marzo e aprile potrebbe essere crollata del 20 / 30%. Dopo la videoconferenza, il presidente francese Emmanuel Macron ha affermato che vi è stato consenso tra gli stati dell’UE sulla necessità di una “risposta forte e coordinata del valore di circa 5-10 punti percentuali del PIL”.

Rimangono differenze su come dovrebbe funzionare il fondo, in particolare se dovrebbe fornire prestiti o sovvenzioni ai paesi più colpiti come l’Italia e la Spagna. Sovvenzioni o trasferimenti diretti di denaro implicherebbero un grado di condivisione del debito a cui Stati come Paesi Bassi, Austria e Germania hanno resistito a lungo. Tuttavia, i leader dell’UE hanno cercato di mostrare una certa unità.

“Il mercato comune attuale avvantaggia alcuni stati o regioni”, ha affermato Macron, “che sono i più produttivi in ​​Europa perché producono beni che possono vendere in altre regioni. Se abbandoniamo queste regioni, se abbandoniamo parte dell’Europa, cadrà tutta l’UE”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi