Antitrust: assicurazioni troppo care

Questa volta ad avanzare sospetti contro le compagnie di assicurazione ci pensa niente di meno che il presidente dell’Antitrust, Antonio Catricalà, che in audizione al senato denuncia aumenti del 25% in soli 2 anni. L’indagine dell’autority che è ancora in corso ha rilevato un aumento medio del 25% con picchi anche del 35% sulle polizze auto e moto.

Catricalà parla di aumenti ingiustificati e fuori da ogni logica che non possono essere riconducibili a maggiori costi sostenuti dalle compagnie di assicurazioni.

Ma allora perchè aumentano le assicurazioni auto e moto?

La faccenda, come al solito, viene vista sotto punti di vista molto diversi. Da un lato le Compagnie si difendono sostenendo che il vero problema dell’Italia sono le truffe che (sempre secondo le loro dichiarazioni) sarebbero più alte che in altri paesi europei.

Le associazioni dei consumatori, invece, attaccano gridando che si tratta di aumenti ingiustificati messi in atto solo ed esclusivamente con la volontà di fare più soldi. Secondo il presidente dell’Adoc, ad esempio, in Italia una polizza rc auto costa quasi il 40% in più della media europea.

Ma a chi dare ragione? Dalle analisi in corso dell’autority di Catricalà sembrerebbero avere ragione proprio le associazioni dei consumatori visto che i dati diffusi parlano chiaro: un ragazzo di 18 anni di età residente nelle isole che vuole assicurare la sua moto deve pagare il 30% in più di quello che avrebbe pagato solo 2 anni fa.

Come risparmiare sulle polizze auto e moto

A questo punto verrebbe da chiedere come sia possibile risparmiare sulle polizze auto e moto per non essere martoriati da questa spesa. Per prima cosa il consiglio che possiamo dare è quello di farsi fare quanti più preventivi possibili.

In questo internet rappresenta un grande aiuto proprio perchè consente di comparare molte polizze in tempi pochi secondi. Una volta che si hanno in mano preventivi più convenienti si va dalla propria assicurazione chiedendo un trattamento adeguato alle migliori tariffe e in caso contrario cambiare immediatamente compagnia.

Sicuramente le assicurazioni online rappresentano la scelta più conveniente, pur avendo ormai un livello di assistenza paragonabile alle normali assicurazioni (infatti molte delle più importanti assicurazioni online sono di proprietà dei grandi gruppi assicurativi).

Inoltre oggi questo tipo di polizze possono essere ampiamente personalizzate il tutto comodamente da casa o dall’ufficio senza la necessità di recarsi fisicamente presso la sede della compagnia.

Insomma oggi più che mai c’è la necessità di ottimizzare il proprio budget familiare e risparmiare sulla polizza auto o moto è un aspetto importante per far quadrare i conti e, spesso, basta spendere pochi minuti su internet per trovare la soluzione ai propri problemi.

2 thoughts on “Antitrust: assicurazioni troppo care

  1. A tutto c’è rimedio. Se sono un truffatore l’assicurazione deve pretendere che sull’auto venga montato un dispositivo satellitare che permette l’assicurazione di verificare se si tratta di un falso. Riguardo alle classi poi ci sarebbe da divertirsi in sedi legali,si, perché se in una prima classe e abito a napoli,dove dicono che c’è il più alto tasso di rischio incidenti,allora addirittura meriterei un premio. Allora secondo me i tesi truffatori sono proprio le compagnie che fanno castello. E l’antitrust che fà guarda e magari ci mangia anche lei. L’italia… Che paese di…

  2. salvatore hai proprio ragione sono un pugno di ladri pensa che io ho una 147 da otto anni in sette anni di assicurazione ( 1 anno senza ) l’ho comprata due volte ,1100 euro al mese e adesso sto cercando un assicurazione perche sono senza ma i prezzi aumentano ,dovremmo smettere tutti di pagare quegli strozzini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi