CDS: per Italia e Spagna è massima allerta

I cds, credit default swap, rappresentano un ottimo parametro per valutare il rischio di un paese specialmente in un contesto difficile come quello che stiamo attraversando. E proprio analizzando i cds dei principali paesi della zona euro si può capire quale sia la possibilità che una tra Italia e Spagna sia la prossima vittima della speculazione. Entrambi i paesi, infatti, sono considerati i punti deboli dell’Europa ossia quelli che risentiranno maggiormente di una probabile uscita della Grecia dall’Euro. Non a caso, proprio nelle ultime ore, qualche analista ha incominciato a ritenere verosimile che, qualora ci fosse una escalation della crisi ellenica entro 24 ore la Spagna potrebbe avere problemi di liquidità per un assalto agli sportelli bancari. Insomma una vera e propria ondata di panico che spingerebbe migliaia di risparmiatori (spagnoli prima e italiani poi) a ritirare velocemente i propri risparmi dai conti correnti bancari.

Per quanto riguarda Italia e Spagna i relativi CDS sono arrivati a quotare ampiamente sopra 500 (quota definita critica) ed esattamente 502 per i cds italiani e 546 per quelli spagnoli. tanto per fare un esempio i cds francesi sono a quota 217. Stesso discorso si può valutare per quanto riguarda lo spread con quello italiano a quota 430-440 punti base e quello spagnolo ormai stabile sopra quota 480 punti.Qui di seguito riportiamo il grafico dei cds italiani

e di quelli spagnoli.

Anche analizzando i cds delle principali banche europee la situazione non migliora di molto: i cds di Unicredit e di banca Intesa (i 2 principali istituti di credito italiani) quotano, rispettivamente, 539 e 503, mentre BBVA e Banco Santander sono a 486 e 439.

Insomma il rischio per Italia e Spagna è elevatissimo ma, a questo punto, potremmo dire che il rischio è massimo per tutti i paesi dell’eurozona (e non solo) in quanto se dovessero fallire 2 economie come quella italiana e quella spagnola difficilmente qualcune si potrebbe dire immune.

Nemmeno la Germania, che anche ieri ha collocato titoli di stato a prezzi irrisori, potrebbe dirsi al sicuro, anzi le banche tedesche, proprio per l’immensa mole di credito che hanno nei confronti degli istituti di credito dell’eurozona, sarebbe tra le prime a subire il tracollo.

A questo punto non resta che in qualche miracolo (leggi eurobond) che possa allentare, almeno nel breve periodo, la tensione sui paesi dell’area del mediterraneo evitando che lo spread, e di conseguenza i rendimenti dei titoli di stato, arrivino su livelli non più sostenibili e che l’intero sistema crolli definitivamente.  Ma forse ormai la strada è già segnata.

Cosa sono i credit default swap

Essendo questo un sito di informazione economica e finanziaria rivolto a tutti, esperti e non, riteniamo opportuno dare una veloce (ed estremamente semplificata) spiegazione su cosa siano i cds. Per chi non lo sapesse i credit default swap (detti, appunto, CDS) sono dei derivati creditizi che hanno la funzione di trasferire l’esposizione creditizia di prodotti a reddito fisso tra le parti. Il CDS viene solitamente utilizzato come fosse una sorta di polizza assicurativa ossia una copertura per il sottoscrittore di un’obbligazione.

Proprio per questo i credit default swap sono utilizzati come parametro importante per valutare il rischio di fallimento di uno stato sovrano. Quindi maggiore sarà il valore del CDS e maggiore è il rischio che quel paese possa avere difficoltà finanziarie o, addirittura, fallire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi