Russia, un’economia “debole” ma la politica resta “forte”

russiaSecondo una statistica, il PIL russo ha la stessa grandezza di quello di Belgio e Paesi Bassi messi insieme. Nel 2017 esso era di 1.469 miliardi di dollari, quello del Belgio di 491 miliardi di dollari e quello dei Paesi Bassi di 824 miliardi di dollari; la somma dei due PIL è quindi di 1.315 miliardi. In pratica, la Russia ne ha solo il 12% in più rispetto a Belgio e Paesi Bassi.

Come mai allora la Russia ha un potere politico così enorme rispetto alle altre due nazioni, considerando che economicamente non è poi così forte? La storia insegna che la dimensione economica di una nazione è fattore rilevante per determinarne l’importanza politica e militare nel mondo. In assenza di un’economia sana e prosperosa, i mezzi per creare una super potenza vengono a mancare. Ma la Russia odierna è un’eccezione.

Ciò implica che il paese debba necessariamente sostenere una spesa militare che vada al di là dell’effettiva disponibilità economica; nel 2017 essa ammontava a 61 miliardi di dollari. Guardando altrove, vediamo una spesa negli Stati Uniti dieci volte maggiore, mentre la Cina ha speso circa 151 miliardi di dollari. Sul fronte europeo, Germania e Francia insieme hanno speso 90 miliardi di dollari, il 50% in più rispetto alla Russia. Eppure tutti questi paesi hanno una percentuale molto più piccola del loro PIL nell’ambito militare rispetto alla Russia.

Le cifre di cui sopra dicono questo: la nazione russa ha spese militari inferiori ma, per avere il peso militare che tutti le riconoscono, deve per forza di cose riservare una quota molta più elevata del proprio PIL alla difesa rispetto ad altri paesi.

Tornando alla domanda iniziale, la risposta non è semplice ma il tentativo è utile. Tornando indietro nel tempo, esattamente ai tempi dell’Impero Sovietico e della guerra fredda, la Russia riuscì a mettere su un arsenale nucleare che continua a conferirle la nomea di super potenza militare. In poche parole, sarebbe in grado di annientare qualsiasi nazione con un attacco nucleare. Sono gli Stati Uniti dispongono di una potenza di fuoco così devastante.

Oltre ad essere fornitore di importanti materie prime, tra cui petrolio e gas, che le conferisce una certa rilevanza a livello mondiale, c’è soprattutto da rimarcare come la sua figura di potenza militare sia in qualche modo “evidenziata” dall’atteggiamento dell’Europa stessa. Nonostante l’UE sia economicamente 12 volte più grande della Russia, manca ancora quell’unione che converta il potere economico in militare e politico.

Se ciò avvenisse, nazioni come ad esempio Francia e Germania potrebbero in via teorica creare un unico esercito in grado di contrastare eventuali minacce russe. La spesa militare che verrebbe fuori da tale unione sarebbe del 50% superiore a quella russa. Basterebbe questo per dare un segnale forte ad un Presidente le cui intenzioni verso l’Europa non sono del tutto chiare.

Add Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi