Certificazione dei crediti PA: guida

Certificazione dei crediti PA: guida

È stata pubblicata da poco da parte del Ministero della Economia e delle Finanze una piccola guida per quanto concerne la certificazione dei crediti che le imprese vantano nei confronti della Pubblica Amministrazione.

Un piccolo vademecum molto utile per procedere alla cessione del credito a banche e istituti finanziari abilitati, in base a quanto fissato e contenuto nelle norme di legge in materia.

Una guida intitolata “Vademecum Breve – Guida alla certificazione dei crediti” del MEF, relativa al Protocollo firmato lo scorso 21 luglio 2014 con la Cassa Depositi e Prestiti oltre che con i rappresentanti delle Regioni, delle Province, dei Comuni, e che ha registrato la presenza e la partecipazione anche di imprese, Ordini professionali ed istituti di credito.

Ecco di seguito tutti i dettagli al riguardo.

Le richieste di certificazione del credito deve essere presentata dalle imprese utilizzando una  apposita piattaforma elettronica elaborata dal Ministero dell’Economia e delle Finanze in collaborazione con la Ragioneria Generale dello Stato.

Una volta presentata la domanda dalla quale si evince il credito vantato dalle imprese rispetto alla PA, le stesse Amministrazioni dovranno provvedere a certificare i crediti riguardanti gli importi dovuti in seguito a forniture, appalti, prestazioni professionali e quant’altro.

Occorre sottolineare che si tratta di una procedura completamente gratuita. Un meccanismo che può essere adoperato da parte di qualsiasi soggetto,  sia che si tratti di società sia che di impresa individuale o persone fisiche, che vantino un credito nei confronti della Pubblica Amministrazione. Naturalmente affinché la procedura sia corretta, i crediti non devono risultare prescritti, oltre a dover essere certi, liquidi ed esigibili.

Per poter usufruire della garanzia dello Stato, in seguito alla procedura di cessione pro soluto ad istituti di credito o intermediari finanziari abilitati, occorre che l’istanza sia presentata entro gli appositi termini stabiliti dalle normativa vigenti.

Attualmente la prima scadenza prevista dal decreto in materia è fissata per il prossimo 23 agosto 2014, anche se ormai sembra quasi certa una proroga alla fine del mese corrente, ovvero precisamente al 31 agosto 2014.

Per inviare  l’istanza di certificazione del credito occorre adoperare, come anticiapato, una apposita piattaforma prevista dal Ministero dell’Economia e delle Finanze. Ecco indicato di seguito l’indirizzo internet in merito:  http://certificazionecrediti.mef.gov.it.

Per maggiori informazioni ed approfondimenti sulla certificazione dei redditi e sulle norme da osservare al riguardo, oltre che per ricevere utili aggiornamenti, consigliamo inoltre di visitare, oltre l’indirizzo web in precedenza indicato, anche il sito ufficiale del ministero dell’Economia e delle Finanze: www.mef.gov.it/.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi