Prestiamoci.it, per ottenere e prestare denaro in tutta libertà!

prestare denaroSe le idee non mancano, oggi giorno quel che manca è il denaro necessario per sostenerle, per portarle avanti e per farle conoscere ad una ampia platea di persone. E Prestiamoci, piattaforma di peer to peer lending, nasce proprio per riempire questo vuoto! Ma di cosa si tratta e perchè dietro questo nome si nasconde una delle realtà leader del web?

Come abbiamo anticipato, Prestiamoci è una piattaforma p2p autorizzata e vigilata dalla Banca d’Italia, che molto semplicemente mette in contatto chi vuol investire del denaro con chi invece ha bisogno di un prestito. In poche parole, nell’ambito di questo servizio ci sono due parti: c’è il richiedente che ha bisogno di un prestito e che avanza questa sua necessità specificando il motivo per cui ne ha bisogno, e c’è poi il prestatore che come dice il nome stesso è colui che mette a disposizione il proprio capitale a favore di uno o più richiedenti.

Prestiamoci è in sostanza una piattaforma nata per agevolare il microcredito tra privati, nonché un’opportunità di guadagno per coloro i quali prestano denaro che, al momento del rimborso, rientrano sì in possesso della somma prestata ma riscuotono anche i rispettivi interessi maturati (è un po’ come se il prestatore fosse in questo caso una banca, o un qualunque istituto di credito che concede un prestito guadagnandoci sopra con gli interessi attivi).

Si tratta di una opportunità davvero incredibile tanto per chi presta, ma soprattutto per chi richiede: se oggi giorno reperire denaro è praticamente impossibile soprattutto a fronte di banche che sembrano aver chiuso i rubinetti del credito, grazie a Prestiamoci c’è la possibilità di vedersi concedere un prestito da persone normali, in carne ed ossa, che non hanno dietro alcun establishment finanziario.

Naturalmente Prestiamoci.it, in tutto quanto ciò, avrà la massima cura di selezionare e mandare avanti solo i richiedenti che onoreranno il proprio debito, sebbene anche il prestatore, proprio per mettersi al riparo, farebbe bene a diversificare i suoi prestiti su un’ampia platea di richiedenti senza focalizzarsi su uno soltanto.

Chi vuol provare questo sistema può comunque simulare una richiesta di prestito semplicemente ottemperando a tre semplici step: è sufficiente aprire il Simulatore, selezionare la classe di merito creditizio a cui si ritiene di appartenere, scegliere l’importo e la durata del prestito, ed ottenere così una simulazione del proprio prestito con tanto di rata mensile (comprensiva di TAN e TAEG) che bisognerà sostenere per rimborsare i creditori.


Add Comment