Repubblica Ceca, i lavoratori vincono la guerra contro i salari bassi

repubblica ceca

Nonostante la Repubblica Ceca abbia il più basso tasso di disoccupazione dell’UE, i salari continuano ad essere bassi se comparati ai costi di produzione che lo sono altrettanto. Josef Stredula, capo dell’unione sindacale ceca, ha affermato che “nei prossimi tre o quattro anni, possiamo realisticamente aspettarci una crescita dei salari reali dal 3 al 5% all’anno”.

Dopo anni di lievi aumenti salariali, il paese ha visto gli stipendi medi salire dell’8% nell’ultimo trimestre del 2017 a 31.646 koruna (€ 1.430) rispetto all’anno precedente. L’impennata influenzerà tutti gli standard di vita, sorpassando Grecia e Portogallo e avvicinandosi alla Spagna.

Una carenza di conducenti ha costretto la città di Praga a ridimensionare il servizio di trasporto pubblico nelle prime due settimane di quest’anno, mentre Brno, la seconda città più grande del paese, ha offerto ai nuovi operatori di autobus e tram un bonus superiore a tre stipendi mensili. Skoda Auto AS, il più grande produttore ed esportatore ceco, ha accettato di aumentare gli stipendi il mese scorso, inclusi i bonus e gli straordinari, di oltre il 20%.

La banca centrale, che ha dato il via lo scorso anno agli aumenti dei tassi d’interesse, ha ripetutamente affermato che il surriscaldamento del mercato del lavoro giustificherà un ulteriore restringimento monetario per tenere sotto controllo l’inflazione. Mentre la crescita dei prezzi è al di sotto dell’obiettivo del 2%, salari più alti finiranno per costringere le aziende a trasferire costi aggiuntivi ai clienti.

Questo mese gli investitori scommettono su un ulteriore aumento dei costi di indebitamento della Repubblica ceca, con gli accordi sui tassi a termine che hanno determinato un aumento dell’1% nel quarto trimestre.

Il surriscaldamento del mercato del lavoro è simile a quello della Romania, dove un aumento annuo del 15,5% dei salari medi ha causato ad inizio anno l’aumento per tre volte del costo del prestito. In Polonia, le retribuzioni sono cresciute ad aprile di quasi l’8% rispetto all’anno precedente. Mentre la produttività ceca è inferiore a quella della Germania, secondo Stredula c’è ancora molto spazio per spingere in alto gli stipendi cechi. “Questo non dovrebbe causare squilibri perché il divario tra produttività e salari è ancora relativamente grande” ha affermato.

Il primo ministro ad interim Andrej Babis ha promesso di aumentare gli stipendi dei medici, degli insegnanti e dei pensionati, aggiungendo un aumento salariale del 10% per tutti i dipendenti statali del governo precedente. A differenza della Romania, che ha ricevuto segnalazioni dalla Commissione europea sulla sua posizione fiscale, Allianz SE ha classificato la Repubblica Ceca come l’economia più stabile dell’UE nel 2017, citando la sua performance fiscale come uno dei suoi principali punti di forza.

“L’attuale divario salariale rispetto ai vicini più ricchi è inaccettabile.  L’economia deve fare meno affidamento sull’esportazione di componenti semplici, come le parti di automobili, e concentrarsi sull’impiego di tecnologie più avanzate e sull’uso di sofisticati tipi di produzione e servizi”. Questo è quanto afferma Stredula.

Add Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi