Performance dell’economia vs Risultati del mercato azionario

Una delle cose più strane e frustranti dell’investimento è che il modo di fare dell’economia oggi dice pochissimo su cosa potrebbe fare domani il mercato azionario.

Tornando indietro di otto anni, alcuni ricercatori hanno cronometrato i numeri storici per mostrare come quelli economici come la crescita del PIL, i tassi di interesse, il debito pubblico, i margini di profitto delle società e la crescita degli utili erano correlati ai rendimenti dei mercati azionari. La risposta praticamente per ogni parametro era: non dicono quasi nulla. Vi è un’enorme disconnessione tra le prestazioni economiche e gli esiti del mercato azionario.

Molti segnali comunemente citati hanno avuto correlazioni molto deboli ed erratiche con rendimenti successivi effettivi, anche a lunghi orizzonti di investimento. Cose come la crescita del PIL e i tassi di interesse in un anno avevano letteralmente zero correlazione con quello che il mercato azionario poteva fare nell’anno successivo.

Un ricercatore dal senso dell’umorismo ha testato la correlazione tra le precipitazioni a livello nazionale e i successivi rendimenti sul mercato azionario. Stranamente, nella realtà dei fatti è stato un ottimo indicatore di ciò che il mercato azionario avrebbe fatto l’anno successivo rispetto a fattori quali crescita del PIL, crescita degli utili e stime degli analisti sulla futura crescita economica.

Il mercato azionario è guidato da una combinazione di società che ottengono profitti e dalle variazioni degli stati d’animo degli investitori su tali profitti. Quest’ultimo è l’elemento più importante, soprattutto nel breve periodo. Quando gli investitori diventano ottimisti pagano più di 1 euro di guadagni aziendali rispetto a quando non lo sono. E questi cambiamenti dell’umore spesso non hanno alcun collegamento con ciò che l’economia sta facendo in questo momento, e per due motivi: uno, gli stati d’animo sono guidati da ormoni piuttosto che dati, persuasi da cose come la mentalità di gruppo e la paura di perdere.

Due, gli stati d’animo guardano al futuro, anticipando cosa potrebbe accadere l’anno prossimo con poca attenzione a quello che sta succedendo ora. Questo è probabilmente il motivo per cui le azioni si comportarono così bene nel 2010, quando l’economia andava male. Gli investitori guardavano avanti ponendo gli occhi su ciò sarebbe potuto accadere ai profitti delle società nel 2011 e anche oltre.

Il punto non è che gli investitori non dovrebbero prestare attenzione a ciò che fa l’economia, ma fare molta attenzione quando la visione di ciò che sta accadendo intorno adesso guida ciò che oggi si fa con i propri investimenti. Inoltre, bisognerebbe lasciare che due domande orientino i pensieri sul mercato:

  • Gli obiettivi individuali: per quanto tempo gli investimenti devono rimanere tali prima di aver bisogno di quei soldi?
  • La tolleranza per gli alti e bassi del mercato: se si è in grado di gestire il pungiglione psicologico della normale volatilità del mercato, quanto a lungo l’investimento deve rimanere nel contesto?

Ciò non dice che cosa potrebbe fare il mercato successivamente, ma aiuterà l’investitore a creare un piano razionale in un mondo in cui l’influenza dell’economia sul mercato azionario spesso sembra non avere senso.

Add Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi