Che cos’è il debito subordinato?

Per spiegare nel miglior modo possibile cosa è il debito subordinato, basta un esempio. Una banca ha offerto un debito subordinato ad una società. Passato un certo periodo di tempo, questa società fallisce e, quindi, non sarebbe in grado di restituire i soldi presi in prestito dalla banca. Se quest’ultima avesse emesso un’obbligazione subordinata, non potrà reclamare gli utili o le attività connesse alla società fallita.

Per quale motivo? Perché è stato emesso un prestito subordinato, in cui tutti i debiti senior si sono estinti interamente dalle attività e dai guadagni dell’azienda. Se resta ancora qualcosa, la banca riceverà i soldi che andranno a coprire il debito subordinato.

Detto questo, il debito subordinato è qualcosa di molto rischioso. Banche e istituti finanziari che offrono obbligazioni subordinate devono accertarsi che una società sia solvibile ed abbia ricchezza a sufficienza. Ma un vantaggio c’è: siccome le obbligazioni subordinate sono alla stregua di un debito, se una società è inadempiente, le banche otterranno i loro soldi ancor prima degli azionisti.

Ma un minimo di diligenza è d’obbligo prima di concedere dei prestiti. Bisogna osservare il flusso di cassa, i guadagni degli anni passati e le attività di un’azienda. Inoltre, dovrebbero anche considerare il rapporto debito / patrimonio netto, quello sull’utile netto, ecc.

Differenza tra debito subordinato e non subordinato

Sono l’uno contrario dell’altro, non c’è dubbio, ma vale comunque la pena capire quali siano le vera differenze:

Priorità: nel caso di obbligazioni subordinate, tutti gli altri debiti hanno la priorità in termini di pagamento integrale prima del pagamento del debito subordinato. Tuttavia, nel caso di debito non subordinato, prima che vengano pagati debiti junior, non verrebbe pagato per intero. Quindi, per quanto riguarda il debito non subordinato, la priorità cambia completamente in termini di pagamento.

Fattore di rischio: nel caso del debito subordinato, il rischio è molto più elevato per il creditore. Al contrario, nel caso di debiti non subordinati, il rischio per il creditore è piuttosto basso.

Quali società si assumono il debito subordinato?

Banche e istituti finanziari sanno benissimo i rischi connessi al prestito subordinato; per questo non lo offrono alle piccole imprese. Qualche eccezione c’è, ma a causa del fattore di rischio e della priorità, il prestito viene offerto alle società.

Perché questa direttiva? Prima di tutto, le grandi società presentano un enorme flusso di cassa e di attività non correnti, due cose che offrono alle banche le garanzie giuste. Poi, generano enormi profitti ed hanno una vasta rete di clienti. Per non parlare poi della solvibilità migliore e della maggiore leva finanziaria rispetto alle piccole imprese.

Infine, le possibilità di fallimento delle grandi società sono nettamente inferiori rispetto a quelle delle piccole imprese.

Add Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi