Cos’è il deficit commerciale?

Immaginiamo che sulla terra ci siano solo due Paesi che producono beni: uno automobili e l’altro banane. Il primo vuole banane dal secondo e le acquista ad 1 milione di euro dal produttore. Il secondo vuole automobili e la acquista dal produttore pagando 2 milioni di euro. La differenza tra i due Paesi è il deficit commerciale: il Paese produttore di banane ha un deficit di 1 milioni di euro, il Paese produttore di automobili un surplus commerciali di 1 milione di euro.

Cosa c’entra questo con risparmi e investimenti?

Quando un paese presenta un deficit commerciale, esiste una forza compensativa. Il Paese delle banane ha un deficit commerciale di 1 milione euro con quello delle automobili. Ciò significa che i produttori di automobili hanno un reddito extra di 1 milione all’anno.

Se quest’ultimo Paese non vuole aumentare il valore della sua valuta, deve prendere quel surplus commerciale di 1 milione di euro e riporlo nel Paese delle banane. Esistono diversi modi per farlo. Le persone del Paese delle automobili potrebbero acquistare azioni o obbligazioni in quello delle banane, oppure le società del primo potrebbero investire nelle fabbriche del secondo oppure il governo potrebbe acquistare beni direttamente.

In effetti, il flusso di capitale è il contrario del flusso di merci. E il deficit commerciale sarà modellato non solo dalla meccanica di quali prodotti acquistano le persone nei due Paesi, ma anche da decisioni di investimento e di risparmio non correlate. La causa e l’effetto vanno in entrambe le direzioni.

Quindi, ad esempio, se un Paese applica una gigantesca riduzione delle tasse che aumenta il suo deficit di bilancio, sta effettivamente abbassando il suo tasso di risparmio, il quale tende ad aumentare il suo deficit commerciale.

Ma i deficit commerciali non significano meno posti di lavoro?

Potrebbe essere. È vero che un deficit commerciale sottrae dal PIL di un paese, il quale misura il valore dei beni e dei servizi prodotti all’interno dei confini di un Paese. Quando un Paese vende meno prodotti all’estero di quanti ne compri, produce meno prodotti e, di conseguenza, ci sono meno posti di lavoro.

Ma il flusso di capitali nel paese, l’inverso del deficit commerciale, crea benefici che possono essere positivi per i posti di lavoro, incoraggiando maggiori investimenti interni.

Questa non è solo un’astrazione. È quello che è successo, ad esempio, tra Stati Uniti e Cina negli ultimi due decenni. La Cina ha avuto avanzi commerciali consistenti, ma non ha voluto che la sua valuta aumentasse in modo tale da minare i suoi esportatori. Quindi i soldi sono fluiti dalla Cina negli Stati Uniti, sia dagli acquisti del governo cinese di buoni del Tesoro degli Stati Uniti sia, più recentemente, sotto forma di investimenti diretti da parte di società cinesi negli Stati Uniti.

Quindi un deficit commerciale significa meno posti di lavoro? Dipende da quale forza è economicamente più potente: meno posti di lavoro creano esportazioni o investono in denaro nel Paese.

Add Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi