I tassi di interesse negativi funzionano? La risposta degli economisti non è univoca

Mentre la pandemia da coronavirus minaccia l’economia globale, il dibattito sull’effettiva capacità dei tassi di interesse negativi di stimolare la crescita economica è tornato alla ribalta.

Negli ultimi mesi, gran parte di tale discussione si è incentrata sulla Federal Reserve e la sua possibile adozione dei tassi negativi, una politica che molte delle sue controparti, tra cui la BCE e la Banca del Giappone, hanno mantenuto per anni. Anche se gli Stati Uniti affrontano una delle peggiori recessioni economiche della storia, la Fed ha finora evitato i tassi di interesse negativi.

Jerome Powell, presidente della Fed, il mese scorso dichiarò: “Non pensiamo che sia uno strumento adeguato per gli Stati Uniti. Aggiungo che l’evidenza sul fatto che funzioni davvero è controversa. Ci sono chiaramente alcuni effetti collaterali negativi, come a volte ci sono con queste cose, e non è chiaro per i miei colleghi e per me che questo è uno strumento che sarebbe opportuno implementare nel nostro Paese”.

Invece, da marzo la Fed ha mantenuto il suo tasso di riferimento vicino allo zero e ha indicato che i tassi rimarranno tali fino a quando l’economia degli Stati Uniti non si riprenderà, espandendo significativamente il suo programma di acquisto di attività. I tassi di interesse sono uno degli strumenti che le banche centrali utilizzano per raggiungere obiettivi economici quali bassa disoccupazione, inflazione gestibile e crescita sostenibile.

La maggior parte delle banche centrali di tutto il mondo adegua un cosiddetto tasso ufficiale, che generalmente si riferisce al tasso di interesse sui fondi che le banche commerciali parcheggiano nella banca centrale. Ciò a sua volta influenza altri tassi di interesse nell’economia come quelli su prestiti e depositi. Colpisce anche i prezzi delle obbligazioni, che si spostano inversamente sui tassi di interesse.

In genere, la riduzione di un tasso ufficiale ridurrebbe i tassi sui prestiti e sui depositi, il che incoraggerebbe quindi le imprese e gli individui a investire e spendere di più, comportamenti che aiutano l’economia a crescere.

In teoria, i tassi di interesse negativi dovrebbero avere lo stesso effetto. Alcuni economisti hanno affermato che quando le banche commerciali devono pagare per depositare fondi presso la banca centrale, invece di guadagnare un interesse su tali riserve, dovrebbero essere incoraggiate invece a prestare quel denaro.

Ma altri hanno sottolineato che non vi era certezza che i tassi di interesse negativi avrebbero funzionato come previsto. Sostenevano che le banche commerciali avrebbero perso un’importante fonte di finanziamento se imponessero tassi negativi ai depositanti e, a loro volta, avessero meno denaro da prestare. Questo perché le aziende e gli individui preferirebbero detenere denaro (che non costa nulla) piuttosto che pagare per parcheggiare i loro soldi in banca.

Entrambe queste teorie furono messe alla prova negli anni successivi alla crisi finanziaria globale. Di fronte a una crescita economica ancora debole, anche dopo aver ridotto i tassi ufficiali a zero, diverse banche centrali si sono rivolte a quella che era considerata una politica monetaria non convenzionale, ossia i tassi di interesse negativi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi