Auto, immatricolazioni sempre più giù

È certamente negativo il rapporto analitico sul mese di ottobre per quanto concerne il settore auto europeo. Nel corso del decimo mese dell’anno, infatti, le immatricolazioni di nuovi veicoli sono calate di 1,8 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, per un volume che si avvicina pericolosamente alla soglia del milione di unità (1.005.976).

A sostenere il dato di cui sopra è, come ogni mese, l’Associazione di riferimento di settore per il vecchio Continente (Acea), che precisa altresì come durante i primi dieci mesi dell’anno il dato statistico abbia denotato una flessione di 1,2 punti percentuali rispetto al periodo gennaio – ottobre del 2010.

Brutte notizie anche per quanto concerne il gruppo Fiat. La società torinese ha infatti venduto “solo” 68.630 veicoli, con una contrazione su base annua superiore ai 10 punti percentuali (- 10,2%). La quota di mercato Fiat sul totale del parco veicoli europeo è calata dai 7,2 punti percentuali di un anno fa, ai 6,6 punti percentuali attuali.

Tra le prime marche costruttrici, il leader è ancora Volkswagen, con una quota di mercato pari al 24%, e immatricolazioni in crescita di 4,3 punti percentuali. Second leader del comparto è invece Psa Peugeot Citroen (quota di mercato pari al 12,2%, con immatricolazioni in calo di 6,4 punti percentuali), seguita dalla Renault (quota di mercato del 10,5% e immatricolazioni in flessione di 2,6 punti percentuali), General Motors e Ford.

Secondo l’Acea, la contribuzione maggiormente negativa al deludente risultato europeo l’avrebbero fornita proprio il mercato italiano (con un calo delle immatricolazioni del 5,5%) e quello spagnolo (- 6,7%). Bene i mercati francesi e britannici.

Puoi leggere anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi