Prestiti e mutui Inpdap a rischio

Nonostante sia passata un po in sordina, trascurata dai maggiori media nazionali, la notizia della chiusura dell’Inpdap per effetto della manovra Monti sta scatenando un vero e proprio putiferio. A rischio ci sarebbero i prestiti e i mutui erogati dall’ente ma, anche, il destino delle famiglie degli oltre 700 dipendenti che rischiano di essere messi in cassa integrazione per 2 anni per poi essere licenziati (e proprio per questo hanno occupato la presidenza della direzione per protesta). L’Inpdap, per chi non lo sapesse, conta oltre 6 milioni di iscritti che hanno la possibilità, tra l’altro, di ottenere prestiti e mutui a tassi agevolati.

Secondo la manovra del governo le funzioni svolte oggi dall’Inpdap dovrebbero passare all’Inps anche se ancora non è chiaro con che modalità e, sopratutto, se verranno mantenuti tutti i servizi offerti attualmente dall’ente, ivi compresa l’erogazione di prestiti e di mutui.

Detto questo è evidente la preoccupazione sia dei lavoratori, che ancora non hanno certezze sul proprio futuro, sia degli iscritti che fino ad oggi hanno versato una quota della propria pensione o del proprio stipendio (esattamente lo 0,35% dello stipendio e lo 0,15% della pensione) per usufruire dei servizi erogati dall’ente.

La soppressione dell’Inpdap accorpandolo all’Inps fa parte di un piano di eliminazione di enti e istituzioni considerate non primarie ed è stato pensato per risparmiare denaro pubblico, in linea con la politica economica di austerity del governo.

Tuttavia è bene fare chiarezza sull’argomento per capire che fine faranno gli oltre 700 lavoratori che rischiano la cassaintegrazione e se esisteranno ancora i servizi svolti dall’Inpdap o se verranno cancellati insieme all’ente stesso. Insomma stiamo per dire addio ai prestiti e ai mutui Inpdap una volta per tutte?

Per avere maggiori informazioni e per restare aggiornati sugli sviluppi della questione vi invitiamo a consultare il sito ufficiale dell’ente (www.inpdap.it) sul quale, tra l’altro,  si legge che i servizi erogati (per il momento) non verranno soppressi ma spostati sotto la competenza dell’Inps.

Puoi leggere anche:

  • prestiti inpdap: cosa sono e come funzionano i prestiti erogati dall’ente di previdenza;
  • mutui inpdap: i vantaggi di richiedere questa tipologia di finanziamento per acquistare o ristrutturare la casa;

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi