Guadagnare un modo particolare, i metodi più bizzarri

salvadanaio maialinoOggi purtroppo sono molte le persone che arrivano a mala pena a fine mese; esistono dei metodi però che consentono a chiunque di guadagnare qualche euro. Se proprio non si tratta di vere e proprie professioni, almeno si può riuscire ad ottenere il denaro necessario per sbarcare il lunario, o anche a togliersi qualche sfizio, per sé o per la famiglia.

Fare la cavia umana

Come diventare una cavia umana? In molti film capita di vedere persone che fanno la cavia per nuovi farmaci o terapie, percependo una remunerazione, a volte particolarmente interessante. Questo è possibile anche in Europa, dove tantissime compagnie farmaceutiche sono alla costante ricerca di persone da inserire in particolari protocolli di test. Chiaramente non è semplice entrare in questi protocolli, anche perché il campione che le compagnie farmaceutiche costruiscono deve essere rappresentativo, e quindi costituito da un certo tipo di persone. A volte i farmaci devono essere sperimentati solo su coloro che presentano una certa malattia, che in alcuni casi può anche essere molto grave. Prima di cominciare a fare la cavia umana quindi è necessario eseguire una serie di esami clinici, per valutare lo stato di salute del soggetto, ma a volte si tratta anche di individuare un dato profilo genetico, cui non sempre corrispondiamo. La cifra che si può guadagnare per fare da cavia è però abbastanza importante, si tratta div arie centinaia di euro, quindi può valer la pena provare.

Guadagnare dalla spazzatura

ci sono delle compagnie che ci permettono di guadagnare dalla nostra spazzatura. Infatti ci corrispondono una data cifra per ogni chilogrammo di rifiuti differenziati che gli portiamo. Si tratta di cifre molto basse, in genere pochi centesimi per chilogrammo di plastica, carta, vetro o metallo. Chiaramente però non è poi così difficile racimolare vari chilogrammi di rifiuti, occorre però che siano perfettamente differenziati. Per quanto riguarda la plastica, ad esempio, spesso sarà necessario suddividere le diverse tipologie: PET, PE, polistirolo e così via.

Vendere ciò che abbiamo in casa

Non sembra, ma per chiunque è facile trovare in casa qualcosa da vendere. Si può trattare di una vecchia coperta fatta dalla prozia, o di un oggetto ricevuto in regalo per il compleanno, o anche di un utensile della cucina che abbiamo acquistato, ma che in realtà non utilizziamo mai. Per vendere questi oggetti possiamo approfittare dei siti di annunci gratuiti, o anche di quelli dedicati alle aste online: potremo così sperare di venderli al miglior offerente.

Add Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi