La guerra commerciale USA-Cina è un danno collaterale per l’Europa?

cinaSchiacciata dal conflitto commerciale tra Cina e Stati Uniti, l’economia europea rischia seriamente di essere spazzata via, soprattutto se tale conflitto continuerà a perpetuarsi con nuovi dazi.

La chiave dell’economia europea è la Germania, partner commerciale importante sia negli USA che in Cina. Il 47% dell’economia tedesca è rappresentato dalle esportazioni, intense nell’ambito dei mercati globali delle auto di lusso e dei macchinari industriali complessi. Le catene di approvvigionamento dalla Germania si estendono anche nei paesi vicini della zona euro, mentre i profitti tedeschi vengono spesso investiti in fabbriche locate in Slovacchia, Ungheria e Polonia.

I dati economici provenienti dalla Germania nelle ultime settimane sono scoraggianti: a giugno, le esportazioni sono in calo dell’8% e la produzione industriale dell’1,5%, portando il settore alla recessione. L’incertezza commerciale potrebbe estendersi a consumatori e aziende che operano nell’ambito territoriale. L’unica nota positiva è la disoccupazione, attualmente al 3,1%. Però, di contro, i guadagni dei lavoratori si sono fermati di recente. In tutta l’Eurozona, la crescita è scesa dello 0,2% nel secondo trimestre rispetto al primo, mentre in Italia, la terza economia della zona euro, la crescita è solo allo 0,1%.

Ironia della sorte, il commercio tra Germania e Stati Uniti e tra Germania e Cina sta andando abbastanza bene. È principalmente l’incertezza sull’esito dello scontro tra il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e la leadership comunista cinese che pesa sulla fiducia delle imprese e scoraggia gli investimenti e gli acquisti nei mercati globali. La scorsa settimana, Trump ha imposto un dazio del 10% su ulteriori 300 miliardi di dollari di merci cinesi a partire dal 1° settembre.

Secondo alcune società esperte di mercato, la crescita economica globale nel 2019 sarà soltanto dell’1,2%, notevolmente al di sotto del 4,9% del 2018.

Per fortuna, la guerra commerciale riguarda soltanto USA e Cina. Per adesso, Trump si è limitato soltanto ad imporre dazi sulle importazioni di acciaio e allumino dall’Europa, mentre la Cina ha abbassato i dazi sulle esportazioni provenienti da 19 Paesi europei. Il problema resta l’incertezza diffusa, che ha portato le imprese a tagliare le loro prospettive e i loro piani di investimento. L’unica via è la fine della guerra commerciale, ma la risoluzione appare ancora lontana.

Al di là della disputa USA-Cina, i problemi per l’Europa nascono da un settore automobilistico sotto pressione per soddisfare i limiti più bassi d’emissione di gas serra imposti dall’Unione Europea. Le cause automobilistiche speravano nelle migliori performance dei motori diesel ma, nel 2015, la Volkswagen è stata colta in flagrante nei test sulle emissioni diesel “taroccati”.

Poi c’è la Brexit, spada di Damocle che minaccia la stabilità finanziaria del Regno Unito e dell’Europa intera. L’uscita è prevista il 31 ottobre ed il premier britannico Boris Johnson ha affermato che non ci sarà nessuna proroga, anche nel caso in cui non ci sarà nessun accordo commerciale.

Add Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi