Qual è la differenza tra le obbligazioni premium e le obbligazioni a sconto?

Quando un’obbligazione viene emessa per la prima volta, è un’obbligazione standard e non una premium o a sconto. In altre parole, il prezzo da pagare per una nuova obbligazione (il suo prezzo originale) è sempre fisso e viene chiamato valore nominale. Un’obbligazione diventa “premium” o ” a sconto” quando inizia a negoziare sul mercato. Le nuove obbligazioni vengono vendute sul “mercato primario” e le obbligazioni esistenti vengono vendute sul “mercato secondario”.

Che cos’è un’obbligazione premium?

Un’obbligazione che viene negoziata al di sopra del suo valore nominale nel mercato secondario è un’obbligazione premium. Viene negoziata quando offre un tasso cedola (interesse) superiore agli attuali tassi di interesse prevalenti offerti per le nuove obbligazioni. Questo perché gli investitori desiderano un rendimento più elevato e lo pagheranno. In un certo senso lo stanno pagando in avanti per ottenere il pagamento del coupon più elevato.

Che cos’è obbligazione a sconto?

Un’obbligazione attualmente negoziabile per un valore inferiore al suo valore nominale nel mercato secondario è un’obbligazione a sconto, la quale viene negoziata con uno sconto nel momento in cui offre un tasso cedolare inferiore ai tassi di interesse prevalenti. Poiché gli investitori desiderano un rendimento più elevato, pagheranno di meno per un’obbligazione con un tasso cedolare inferiore ai quelli prevalenti. Quindi lo stanno acquistando con uno sconto per compensare la cedola più bassa.

Cosa li rende diversi?

Se un’obbligazione negoziata sul mercato è attualmente valutata a un prezzo superiore rispetto al suo prezzo originale (il suo valore nominale), viene chiamata un’obbligazione premium. Al contrario, se un’obbligazione negoziata sul mercato è attualmente valutata a un prezzo inferiore rispetto al suo prezzo originale (il suo valore nominale), viene chiamata un’obbligazione a sconto.

Pertanto, un’obbligazione premium ha un tasso cedolare superiore al tasso di interesse prevalente per quella particolare scadenza e qualità del credito. Al contrario, un’obbligazione a sconto ha un tasso cedolare inferiore al tasso di interesse prevalente per quella particolare scadenza e qualità del credito.

Un esempio: supponiamo che un investitore possieda un’obbligazione più vecchia, originariamente a 10 anni quando l’ha acquistata cinque anni fa. Questa obbligazione ha un tasso coupon del 5% e l’investitore vuole venderla ora. Nel momento della vendita, le sue obbligazioni competeranno sul mercato con nuove obbligazioni con durata di 5 anni, dal momento che sono trascorsi cinque anni dalla scadenza delle stesse.

Supponiamo che quelle nuove obbligazioni, paragonabili a quelle dell’investitore in termini di qualità creditizia, abbiano un tasso cedolare del 3%. Gli altri investitori “aumenteranno” il prezzo dell’obbligazione fino a quando il suo rendimento alla scadenza non sarà in linea con il tasso di interesse del mercato concorrente del 3%.

A causa di questo processo di offerta, l’obbligazione verrà scambiata con un premio al suo valore nominale. L’acquirente pagherà di più per acquistare l’obbligazione e quel premio che l’acquirente paga ridurrà il rendimento alla scadenza dell’obbligazione, quindi è in linea con quanto viene attualmente offerto. (Al contrario, uno sconto sulle obbligazioni migliorerebbe, piuttosto che ridurre, il suo rendimento alla scadenza.)

Add Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi