Europa: dopo il rimbalzo iniziale, ripresa economica di nuovo al palo

europa

L’economia dell’eurozona ha perso inaspettatamente slancio questo mese dopo che una recrudescenza dei casi di coronavirus ha imposto nuove restrizioni. Il forte rallentamento, guidato dai servizi, mostra che l’uscita dalla recessione non sarà semplice e mina le speranze di una pronta ripresa. Mentre le infezioni si stanno avvicinando ai livelli registrati durante i lock down di inizio 2020, i governi sono finora riluttanti a reimporre tali misure.

IHS Markit ha affermato che la sua misura composita dell’attività del settore privato è scesa dal 54,9 di luglio al 51,6 di agosto. L’indicatore manifatturiero è rimasto pressoché invariato, ma i servizi sono precipitati a 50,1, livello che praticamente segnala la stagnazione.

L’economia si era inizialmente ripresa con forza dopo che le restrizioni erano state allentate, anche se persistevano i timori che il ritmo potesse svanire. Nella loro ultima riunione a luglio, i responsabili politici della BCE erano riluttanti a trarre conclusioni definitive sulla salute dell’economia, una posizione che sembra giustificata dai numeri pubblicati da IHS Markit.

La ricaduta sull’occupazione in entrambi i settori è continuata, con l’occupazione in calo per il sesto mese consecutivo. Questa è una delle principali preoccupazioni per i governi, che temono che possa persistere un dannoso aumento della disoccupazione. Mentre Francia e Germania, le maggiori economie della zona euro, hanno continuato a vedere una crescita dell’attività, il rapporto Markit ha suggerito che la produzione è diminuita in Italia e Spagna.

Andrew Harker, direttore economico di IHS Markit, ha affermato: “La zona euro si trova a un bivio. Il percorso intrapreso dipenderà probabilmente in gran parte dal modo in cui il COVID-19 verrà soppresso con successo e se le aziende e i loro clienti possono acquisire la fiducia necessaria per supportare la crescita”.

Per frenare la diffusione del virus, i Paesi europei hanno inasprito alcune restrizioni alla vita pubblica. La Spagna e l’Italia hanno chiuso le discoteche e la Grecia ha limitato l’orario per bar e ristoranti nella speranza di evitare misure più rigorose dopo la fine delle festività natalizie. Le autorità irlandesi stanno anche valutando nuove misure per frenare la pandemia.

Per il malconcio settore dei viaggi, questi passaggi hanno già delle conseguenze. Ryanair Holdings, la più grande compagnia di sconti in Europa, ha ridotto i programmi, dicendo che l’incertezza ha scoraggiato le persone dal prenotare viaggi all’estero. L’unità Eurowings di Deutsche Lufthansa ha dichiarato martedì che ridurrà la capacità in Spagna, in risposta alle richieste del governo tedesco. Il Paese è riemerso come nuovo hotspot per il virus.

Giovedì il cancelliere tedesco Angela Merkel ha invitato i leader europei a lavorare insieme per prevenire nuovi lock down. “Politicamente, vogliamo evitare di chiudere nuovamente le frontiere ad ogni costo, ma questo presuppone che agiamo in modo coordinato”, ha affermato durante una visita a Emmanuel Macron nella sua residenza presidenziale sulla costa mediterranea.

Prima dell’incontro, Macron aveva dichiarato che “non possiamo chiudere il Paese, perché il danno collaterale della reclusione è considerevole”. La Francia ha segnalato 4.771 nuove infezioni giovedì, il più grande aumento giornaliero da metà aprile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi