L’economia europea crolla

europa

I dati economici di Eurostat per il secondo trimestre del 2020 parlano di un’Europa con un crollo economico mai visto nella storia moderna.

Già prima della pandemia, l’Europa stava sprofondando nella recessione. Nel quarto trimestre del 2019, l’economia tedesca era stagnante, mentre quella della Francia (-0,1%) e dell’Italia (-0,4%) stavano diminuendo. Il crollo della fiducia delle imprese a causa della pandemia e gli effetti delle misure di blocco hanno ora innescato una disintegrazione economica senza precedenti.

I lavoratori dipendenti e autonomi e le piccole imprese stanno assistendo a un crollo storico degli standard di vita. I dati Eurostat indicano che al 31 luglio il prodotto interno lordo (PIL) è diminuito del 12,1% nell’area dell’euro e dell’11,9% nell’Unione europea (UE). Nel primo trimestre, la contrazione è stata rispettivamente del 3,6 e del 3,2%. In Germania, la principale potenza economica dell’Europa, il PIL è diminuito del 10,1%, mentre da aprile a luglio la contrazione è stata del 10,7% in Austria e del 12,2%in Belgio.

L’Italia, gravemente colpita dalla pandemia, ha visto la sua economia scendere del 12,4%, con il PIL caduto al livello più dall’inizio degli anni ’90. Altrove, il crollo è stato ancora più marcato. Francia, Portogallo e Spagna hanno registrato cali rispettivamente del 13,8, 14,1 e 18,5%. Secondo le proiezioni attualmente disponibili, l’economia britannica probabilmente si è contratta di circa il 15% nel secondo trimestre.

Le principali società europee hanno subito perdite record in quasi tutti i settori industriali e ora dipendono dai salvataggi finanziati dallo Stato che ammontano a svariati miliardi di euro. Tra le principali case automobilistiche europee, la Volkswagen ha dichiarato di aver perso 1,4 miliardi di euro in quanto i suoi ricavi sono crollati del 23%, mentre la Renault-Nissan ha subito una devastante perdita di 7,3 miliardi di euro. La società europea Airbus ha registrato una perdita netta di 1,9 miliardi di euro.

Le principali compagnie petrolifere europee sono state devastate dal crollo dei prezzi del petrolio causato dall’arresto dei viaggi e dell’attività industriale durante i lock down. Total e Royal Dutch Shell hanno riportato perdite nette rispettivamente di 7 miliardi e 18,1 miliardi di euro. Gli utili netti del conglomerato di lusso francese Hermès sono crollati del 55% nella prima metà dell’anno.

Anche le principali compagnie aeree devono far fronte ai disastri causati dalla pandemia. Air France-KLM ha pubblicato la sua relazione sugli utili, segnalando un crollo dell’83% delle sue entrate complessive. Lufthansa, da parte sua, aveva già registrato una perdita di 2,1 miliardi di euro nel primo trimestre. Il gruppo IAG, proprietario di British Airways, nonché di Aer Lingus e Iberia, ha registrato una perdita netta di 4,2 miliardi di euro nella prima metà dell’anno.

Milioni di lavoratori non sono più stati assunti durante la pandemia e le aziende si sono affidate massicciamente ai finanziamenti statali per pagare i loro salari part-time. A partire dal mese scorso, 9,3 milioni di lavoratori dipendono da tali programmi in Gran Bretagna, 4,5 milioni in Francia (in calo rispetto agli 8,8 milioni di aprile), 6,9 milioni in Germania e 3,7 milioni in Spagna. L’Italia, da parte sua, ha speso circa 5 miliardi di euro al mese per tali accordi di lavoro part-time.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi