L’economia UE rischia di sgretolarsi a causa della pandemia da COVID-19

Certificazione dei crediti PA: guida

La seconda ondata della pandemia da Covid-19 è arrivata in Europa; i numeri di casi relativamente bassi della scorsa estate si stanno dimostrando solo una parentesi. In inverno, il rischio di infezione aumenta notevolmente poichè le persone rimangono in ambienti chiusi.

In tutto il continente, la situazione è esattamente ciò che i politici volevano evitare: restrizioni e coprifuoco si stanno trasformando in lock-down più estesi, soprattutto regionali e settoriali. In Belgio, Bulgaria, Germania, Francia, Irlanda, Paesi Bassi, Austria, Slovenia, Spagna e Repubblica Ceca sono già in vigore restrizioni di vasta portata alla circolazione e al commercio, e ci si aspetta che altri Paesi seguano l’esempio.

Contrariamente alla primavera, l’attuale politica di crisi tenta di escludere i settori della produzione economica, del commercio e dell’istruzione. Ora, a più di un mese dall’inizio del quarto trimestre del 2020, è difficile che un lock-down selettivo possa appiattire la curva quando vengono consentiti i contatti nella vita professionale, nelle scuole, negli asili nido e nel pendolarismo. Le misure anti-pandemiche potrebbero dover rimanere in vigore e, se il virus continua a diffondersi, persino essere intensificate. Chiaramente, questo sarebbe deleterio per l’economia.

Il secondo trimestre del 2020 mostra un risultato storicamente povero, con la crescita del PIL reale dell’UE in calo dell’11,4% rispetto al trimestre precedente (e dell’11,8% nella zona euro). Ciò avrà anche un impatto negativo sui dati dell’intero anno. Tuttavia, la rapida ripresa delle economie europee, che molti non si aspettavano dopo la graduale riapertura nei mesi estivi, ha di fatto reso molto meno fosche le previsioni di crescita annuale nell’Eurozona rilasciate dalla Commissione Europea (-8,3%), dell’OCSE (-9,1%) e dell’FMI (−10,2%).

Tuttavia, con i rinnovati lock-down, è plausibile che il quarto trimestre del 2020 porterà un ulteriore forte calo della crescita nei 19 paesi dell’euro. Le proiezioni dell’FMI nell’ottobre 2020 (-6,6% per l’intero quarto trimestre) non prevedono indicatori positivi per il PIL in ​​nessun Paese negli ultimi mesi dell’anno.

Tutti i Paesi europei stanno ancora lottando con un numero crescente di infezioni e stanno cercando di trovare programmi di sostegno economico per evitare la prevedibile doppia recessione interrotta da una breve ripresa. Ma nel corso dell’anno, la gravità della pandemia e le misure di lock-down differiscono da Paese a Paese, così come la potenza finanziaria per far fronte alle ripercussioni economiche.

Ecco le proiezioni del PIL dell’FMI per il 2020: Spagna (−12,8%), Italia (−10,6%), Portogallo (−10,0%), Francia (−9,8%) e Grecia (−9,5%), che saranno i più colpiti dalla crisi economica. Al contrario, Lituania (−1,8%), Irlanda (−3,0%), Finlandia (−4,0%), Estonia (−5,2%) e Paesi Bassi (−5,2%) sono i meno colpiti. Gli altri Paesi registrano un calo del prodotto interno lordo compreso tra il -6 e il -8,3%.

I Paesi che hanno già subito gravemente la crisi dell’euro sono quelli particolarmente esposti. Quando la pandemia è arrivata nel continente europeo, era appena iniziata una crescita moderata del PIL pro capite al di sopra del livello pre-crisi (con l’eccezione della Grecia), ma ora tutto si sta vanificando.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi