Guardia di Finanza contro Fitch

Dopo le ispezioni delle Fiamme Gialle all’interno della sede milanese di Standard & Poor’s, a finire nel mirino della Procura di Trani è stata Fitch, che insieme a Moody’s e alla già citata S&P costituisce la triade delle agenzie di rating più importanti del globo. Ma perché la Finanza sta compiendo indagini su Fitch? Un legale dell’agenzia di rating si è per il momento limitato a dichiarare che le Fiamme Gialle stanno compiendo “semplicemente un’attività di polizia giudiziaria”, aggiungendo poi di non poter “confermare nulla” sulla natura delle indagini in essere presso la Procura.

La riscossa delle Banche Cinesi!

Dopo circa un anno dalla crisi dei mutui Subprime e decine di banche americane ed europee (considerate una volta dei veri e propri colossi) fallite o sull’orlo del fallimento, la Cina si prende una bella rivincita. Già perchè secondo una stima di “Bloomberg” sono cinesi tre dei sei maggiori gruppi finanziari mondiali: HSBC, ICBC e China Construction Bank (Ccb).

E così da semplici spettatori le Banche cinesi diventano protagoniste compiendo acquisizioni di pacchetti di azioni di quel che rimane delle banche americane e di alcune banche europee. D’altronde le banche cinesi godono di una grandissima liquidità dovuta al fatto che operano in un contesto economico che cresce a ritmi incredibili.

Cosa è successo in borsa la scorsa settimana?

Il prezzo del petrolio che rialza la testa e i pessimi dati del settore auto sono bastati per mandare, ancora una volta, letteralmente in fibrillazione le borse. In particolare nella seduta di chiusura di venerdì sono andati male i titoli del settore auto con BMW che ha perso circa l’8% e General Motors che dopo aver annunciato perdite (nel secondo trimestre) per quasi 16 miliardi di dollari ha perso intorno al 7,5%!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi