Consigli e moduli per gli assegni familiari

Gli assegni familiari sono un importantissimo strumento di tutela delle famiglie a basso reddito. In questo periodo di crisi economica sempre più nuclei familiari vivono momenti difficili… per questo abbiamo voluto redarre una piccola guida su come richiedere gli assegni familiari  che, speriamo, posso aiutarti a semplificare il percorso. Per prima cosa cerchiamo di capire cosa sono e come funzionano questi assegni e, sopratutto, da chi possono essere richiesti.

 

Assegni familiari 2012

Per prima cosa devi vedere se la tua categoria rientra tra quelle che possono accedere agli assegni familiari dell’Inps. Questo strumento, infatti, è riservato a tutti i lavoratori dipendenti, ai pensionati, ai disoccupati e a tutti quei lavoratori che siano sotto cassa integrazione o in mobilità.

Se rientri in una di queste categorie puoi proseguire nella verifica della tua idoneetà. Già perchè pur rientrando nelle suddette categorie di lavoratori devi soddisfare altri requisiti imposti dalla legge.

Ovviamente devi avere dei familiari a carico, così come il reddito familiare complessivo (che ti ricordo deve essere per almeno il 70% da lavoro dipendente) non deve superare delle soglie previste dalla normativa vigente e rinnovate ogni anno.

La combinazione di questi fattori determina l’importo del tuo assegno familiare. Ovviamente a parità di reddito percepirà un assegno familiare il nucleo che avrà il maggior numero di figli o, magari, un disabile a carico.

Per calcolare (anche sommariamente) l’eventuale importo puoi consultare questa tabella redatta dall’Inps e pubblicata da Ilsole24ore a questo indirizzo: tabella assegni familiari 2012.

Ora appurato che il tuo nucleo familiare rientri nei parametri non devi far altro che scaricare dal sito dell’Inps i moduli che andranno opportunamente compilati in tutti i loro campi e consegnati o al datore di lavoro o direttamente all’Inps nel caso di pensionati e disoccupati.

Nel primo caso, infatti, sarà il datore di lavoro stesso che provvederà a pagare mensilmente l’assegno insieme allo stipendio (e successivamente si rifarà sull’Inps) mentre nel secondo caso sarà direttamente l’ente previdenziale a pagare tramite bonifico o assegno circolare l’importo previsto dalla legge.

Per qualsiasi problema o per ulteriori chiarimenti ti consiglio di recarti presso l’ufficio Inps di competenza, o di lasciare un commento qui sotto: per quanto mi sarà possibile cercherò di rispondere alle tue domande.

Ti segnalo anche questa pagina dove puoi scaricare la modulistica: moduli assegni familiari.

 

51 Comments

  1. aiazzi franco 20 febbraio 2012
  2. admin 20 febbraio 2012
  3. Joi 23 marzo 2012
  4. admin 23 marzo 2012
  5. Franco 28 marzo 2012
  6. admin 28 marzo 2012
  7. simone s. 3 maggio 2012
  8. admin 3 maggio 2012
  9. manu manu 16 maggio 2012
  10. admin 17 maggio 2012
  11. ornella 17 maggio 2012
  12. admin 18 maggio 2012
  13. Elena 19 maggio 2012
  14. admin 20 maggio 2012
  15. remo 21 maggio 2012
  16. admin 21 maggio 2012
  17. ornella 21 maggio 2012
  18. antonio 23 maggio 2012
  19. admin 24 maggio 2012
  20. silvia 25 maggio 2012
  21. admin 25 maggio 2012
  22. Chris 14 giugno 2012
  23. admin 14 giugno 2012
  24. antonio 17 giugno 2012
  25. admin 18 giugno 2012
  26. asmir 3 luglio 2012
  27. asmir 3 luglio 2012
  28. admin 3 luglio 2012
  29. Daniela 6 luglio 2012
  30. admin 9 luglio 2012
  31. Lila 11 luglio 2012
  32. nadia 15 luglio 2012
  33. tania 24 luglio 2012
  34. Lila 28 agosto 2012
  35. PaT 1 settembre 2012
  36. lilly 14 settembre 2012
  37. Lara Perotti 18 settembre 2012
  38. Lila 6 ottobre 2012
  39. admin 9 ottobre 2012
  40. alfo 10 ottobre 2012
  41. salvio 11 ottobre 2012
  42. Lila 11 ottobre 2012
  43. chiara 28 ottobre 2012
  44. admin 29 ottobre 2012
  45. giovanna65 17 dicembre 2012
  46. admin 20 dicembre 2012
  47. gianni 28 gennaio 2013
  48. antonio 21 febbraio 2013
  49. samir 23 marzo 2013
  50. giovanna 21 maggio 2013
  51. patrizia 23 ottobre 2015

Add Comment