Buoni vacanze per i ceti più deboli

Il tuo reddito troppo basso non ti permette di andare in vacanza? Nessun problema arrivano i buoni vacanza ideati per quanti hanno difficoltà a risparmiare per potersi permettere un soggiorno.  Si tratta di uno strumento promosso dal ministero del Turismo e, seppur con molto clamore per via dei forti dubbi suscitati in merito all’iniziativa, rappresenta un importante strumento per poter andare in vacanza spendendo meno. Una cosa non da poco vista l’enorme esigenza di risparmiare che caratterizza questo ultimo periodo all’insegna della crisi economica.

baggage

L’iniziativa è molto interessante perché punta a garantire al cittadino un’agevolazione per sostenere e sviluppare il turismo.

In relazione al proprio nucleo familiare il rimborso potrà oscillare tra il 20 e il 45%, a patto che la vacanza si svolga in Italia.

Il buono vacanza consente di godersi una rilassante vacanza solo attraverso la compilazione di un semplice modulo.

L’unico vincolo è che non potrà essere esteso oltre il 30 giugno 2010, quindi meglio affrettarsi per scegliere la località del soggiorno.

Consultando il sito www.buonivacanze.it è possibile avere maggiori informazioni e trovare anche utili risposte ai vari dubbi, soprattutto inerenti le fasce di reddito.

Tutte le strutture turistiche possono aderire all’iniziativa e il cittadino può verificare la lista aggiornata direttamente dal sito dove trova anche i prezzi di listino aggiornati della struttura.

Attraverso questo sistema si spera che il settore del turismo possa risollevarsi e possa essere incentivato soprattutto un turismo che punta a scoprire le bellezze del nostro territorio.

Per una famiglia è molto importante viaggiare perché permette ai più giovani di accrescere il loro bagaglio culturale e permette di fare esperienze formative molto interessanti. Quindi è fondamentale che le istituzioni sostengano quanti non hanno la possibilità economica di andare in vacanza rilanciando anche un settore strategico per la nostra economia come, appunto, il turismo.

Add Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi