Le Famiglie diventano sempre più povere

Le famiglie italiane stanno continuando a perdere, inesorabilmente, potere di acquisto. E’ questo quello che emerge da uno studio pubblicato sul sito lavoce.info che mette a nudo la triste situazione delle famiglie nel nostro paese. Stando a quando riportato da Franco Mostacci, Paolo Roberti e Monica Montella, gli autori dell’indagine, sarebbero proprio le famiglie a basso reddito quelle più penalizzate negli ultimi anni. Mentre le famiglie che rientrano in una fascia di reddito media hanno recuperato qualcosa nel 2010, quando l’economia italiana sulla scia di quella europea è tornata a crescere, le famiglie più povere hanno continuato inesorabilmente a veder ridotto il proprio potere di acquisto. Tra i soggetti più svantaggiati spiccano i nuclei familiari del sud Italia monoreddito o pensionati che, nel periodo dal 2007 al 2010 hanno visto ridurre il proprio potere di acquisto del 12%.

Un dato estremamente allarmante che mette in luce anche gran parte dei motivi del calo dei consumi nel nostro paese. Un paese in cui la pressione fiscale è la più alta del mondo e dove il costo di molti prodotti di prima necessità ha raggiunto livelli ormai inaccettabili. Basti pensare all’aumento dei carburanti che per quanto riguarda benzina e diesel ha significato quasi raddoppiare nel corso degli ultimi 12 anni.
Le famiglie italiane sono sempre più povere e, di conseguenza, consumano sempre meno. Proprio per questo viene da domandarsi come il governo pensi di far tornare a crescere la nostra economia se non si da la possibilità agli italiani di ricominciare a spendere.

Servono, immediatamente, degli stimoli alla crescita, ossia bisogna ridurre l’impatto di bollette e tasse sui redditi più bassi per permettere loro di spendere soldi acquistando beni e servizi, cosa che aiuterebbe a rimettere in moto l’economia dando un nuovo stimolo alle imprese e al mercato del lavoro.

L’obiettivo prioritario del governo, al momento, sembrerebbe quello di approvare questa riforma del lavoro. Ma siamo sicuri che questa da sola basti? Noi, a dir la verità, pensiamo proprio di no.

Continua a leggere:

  • articolo 18: il governo presenta la riforma del lavoro nella sua veste definitiva che, ora, passa all’esame del parlamento. Ecco tutte le principali novità per i lavoratori;
  • giovani e disoccupazione: continua ad aumentare la disoccupazione giovanile in Italia raggiungendo nuovi preoccupanti record;
  • incentivi aziendali: ecco come funzionano gli incentivi ai dipendenti in Italia (male e poco) e all’estero;

Add Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi