Mercato auto, 2011 da dimenticare

Il 2011 è stato un altro anno negativo per il mercato auto, con l’Unrae (l’associazione che rappresenta i marchi esteri all’interno della Penisola) che sottolinea addirittura come i volumi di affari riscontrati nell’esercizio appena concluso siano equivalenti a quelli del 1996. Un passo indietro di 15 anni, che rischia inoltre di acuirsi nel corso di un 2012 che si preannuncia particolarmente difficile per le quattro ruote.

Secondo gli ultimi dati diramati dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, infatti, nel corso del 2011 il mercato auto italiano avrebbe subito una contrazione del 10,88%: le nuove immatricolazioni avrebbero superato di poco quota 1,748 milioni di unità, contro le oltre 1,961 milioni dell’anno precedente. Il mese di dicembre avrebbe inoltre fatto riscontrare un crollo del 15,30%, con solo 111.211 nuove immatricolazioni, contro le 131.298 dell’anno precedente.

Oltre al calo del segmento delle nuove auto, il mercato riscontra altresì la flessione del segmento usato, con 386.710 trasferimenti di proprietà auto nel corso di dicembre 2011, in flessione del 6,38% rispetto all’anno precedente.

Sul fronte delle singole marche, male l’andamento di Fiat, che nel mercato italiano riesce a mantenere una quota al di sotto del 30% (29,4%). In calo le immatricolazioni del gruppo torinese (- 19,8% a dicembre 2011, – 13,8% su livello annuo).

Meglio, all’interno del portafoglio brand del gruppo, l’andamento dell’Alfa Romeo e delle Jeep, che incrementano i volumi di vendita – rispettivamente – di 12 e di 118 punti percentuali, con quote di mercato in aumento di 0,7 punti percentuali per Alfa e di 0,3 punti percentuali per Jeep.

Sotto questo punto di vista, anche il 2012 non sembra promettere grandi soddisfazioni per gli affari del Lingotto, che punterà probabilmente a difendere le posizioni italiane di fine anno.

Puoi leggere anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi