Statali, governo pronto a rinnovo dei contratti: stanziati 900 milioni?

riforma madia

Incalzato dalle polemiche, dagli scioperi di piazza e dai ricatti mossi a danno della riuscita del referendum costituzionale, il governo ha stanziato un fondo da 900 milioni di euro per il rinnovo del contratto degli statali. Questa cifra permetterebbe di coprire il rinnovo dei contratti per il triennio che va dal 2016 al 2018, anche se al momento non è ancora chiaro su quali basi poggerà questa misura (misura che considerati i tempi ha quasi dei risvolti storici).

Intanto si sa per certo che la cifra dei 900 milioni di euro è più alta di 600 milioni rispetto a quello che era stato stanziato dalla Legge di Stabilità 2016. Nonostante il netto aumento delle risorse volte al rinnovo dei contratti statali, però, la CGIL continua a ritenere inadeguato lo stanziamento e rinnova l’intenzione di portare i lavoratori pubblici in piazza nel caso in cui i termini della questione non dovessero cambiare. La CISL invece tende ad avere un approccio più tiepido, ritenendo che la mossa del Governo sia comunque un primo passo a fronte di altri esecutivi che o non hanno stanziato nulla o hanno addirittura tagliato risorse.

Se i termini della questione dovessero essere questi e se il fondo messo sul tavolo sarà confermato a quota 900 milioni, vorrebbe dire che, quanto meno in questa prima fase, i dipendenti statali riceveranno un aumento mensile in busta paga di circa 50 euro lordi in più.

Non si tratta di grandi cifre, certo, ma considerando la congiuntura economica e un settore privato che è allo sbando più totale – visto che in quel caso, più che di contratti fermi c’è da fare i conti con i licenziamenti tout court – l’intenzione del Governo non può non esser vista come una prima buona intenzione. Tuttavia i tavoli negoziali tra il ministro della Funzione Pubblica Marianna Madia e i sindacati devono ancora entrare nel vivo della questione e si ritroveranno a dover parlare, più che del risvolto economico, di quelli che saranno invece i nodi strategici dell’operazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi