Quando l’economia globale tornerà ai livelli pre-pandemici?

economia

Nel 2021 dovrebbe verificarsi un rimbalzo economico globale ai livelli pre-pandemici. Sebbene questa previsione sia ancora relegata nel campo delle probabilità, alcuni esperti ritengono che il pieno recupero non avverrà prime di tre anni.

Le previsioni sull’economia globale parlano di una perdita nei prossimi due anni di circa 5 trilioni di dollari. Inoltre, era stato previsto che la recessione fosse stata di breve durata quando molte nazioni costrinsero le aziende a chiudere e le persone a rimanere a casa. Il lockdown, però, è costato più caro del previsto. Dopo le riaperture in alcuni Paesi, il terreno da recuperare è molto più ampio.

“Una combinazione di fattori renderà insolitamente lenta la ripresa post-crisi”, hanno affermato alcuni economisti. “L’ondata di fallimenti tra piccole e grandi industrie renderà il riavvio del settore manifatturiero più impegnativo rispetto ai recuperi solitamente canonici. Inoltre, il danno alle finanze delle famiglie e delle imprese ritarderà sostanzialmente qualsiasi ritorno ai vecchi livelli di spesa”.

La crisi diminuisce in mezzo a più contrazioni

La flessione dell’attività in tutto il mondo ha iniziato ad allentarsi nel momento in cui è sopravvenuto il rallentamento dei lockdown introdotti nella maggior parte del mondo per aiutare a arginare la diffusione del coronavirus; la maggior parte delle economie, però, è ancora in balia a contrazioni storiche nel secondo trimestre di quest’anno.

Anche con livelli senza precedenti di stimolo monetario e fiscale, gli economisti avevano già avvertito che il prodotto interno lordo (PIL) sarebbe tornato ali livelli pre-crisi non prima della fine del prossimo anno o al massimo entro il 2022.

“La paura della popolazione rimanderà qualsiasi ritorno alla normalità nei settori dei viaggi e delle vacanze”, hanno aggiunto gli economisti. “Anche uno stimolo massiccio compenserà solo una piccola parte della crescita persa”.

Morgan Stanley aveva avvertito che, nonostante una risposta politica aggressiva, sono nel terzo trimestre del 2021 il PIL nei mercati sviluppati ritornerà ai livelli pre-virus. Secondo Deutsche Bank, entro la fine del 2021 le sole economie statunitensi ed europee saranno di 1 trilione di euro al di sotto delle aspettative pre-virus.

Recupero all’inizio del 2022

Mentre Citigroup parla di un successo globale di circa 5 trilioni di dollari, JPMorgan Chase & Co. ha messo in preventivo perdite nella produzione globale di circa 5,5 trilioni di dollari, pari all’8% del PIL, entro la fine del prossimo anno.

“L’anno più prossimo in cui possiamo aspettarci che la produzione nelle economie più importanti torni ai livelli pre-pandemici è l’inizio del 2022”, hanno affermato alcuni economisti. “La ripresa economia nella maggior parte dei Paesi potrebbe avvenire molto più avanti. Naturalmente, tutto ciò potrà avvenire soltanto in uno scenario positivo. Fondamentalmente, qualsiasi aumento del numero delle infezioni da COVID-19 non farà che peggiorare queste tendenze. La recente riacutizzazione dei casi e la reimposizione di restrizioni in Corea del Sud e parti della Cina preoccupano non poco”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi