Per sviluppare l’economia europea urge rilanciare un diverso tipo di concorrenza

Diversi leader dell’UE hanno puntato a frenare il potere delle grandi aziende tecnologiche in Europa. È improbabile che gli Stati Uniti accetteranno ciò senza la minaccia di ritorsioni. A causa del suo modello guidato dalle esportazioni, l’UE è vulnerabile a tali pressioni. È tempo che abbracci un modello di sviluppo diverso, che ripensa l’idea di concorrenza fine a sé stessa.

Con Francia e Paesi Bassi che si uniscono agli appelli per frenare il potere delle grandi aziende tecnologiche (per lo più con sede negli Stati Uniti) nell’Unione europea, è probabile che Washington faccia pressioni su Bruxelles affinché non imponga alcuna restrizione significativa ai suoi protetti. La minaccia di ritorsioni, ad esempio attraverso i dazi sulle importazioni dell’UE, fornisce una leva agli Stati Uniti, poiché l’Eurozona, a causa del predominio da parte della Germania, adotta politiche che la rendono dipendente dalla domanda esterna.

Durante e dopo la crisi dell’Eurozona, l’Exportweltmeister e alcuni dei suoi alleati hanno costretto le economie dell’Europa meridionale a seguire i propri modelli di esportazione, con tutte le conseguenze note di alta disoccupazione, bassa crescita e pressioni deflazionistiche. Ciò che l’alleanza mercantilista rifiuta di riconoscere è che l’Eurozona e, in senso più ampio, l’UE, sono troppo grandi perché tale sforzo possa essere portato a termine. La quota di esportazioni mondiali dell’UE è del 15% e tentare di aumentarla fallirebbe a causa delle ritorsioni dei partner commerciali e / o di un sostanziale apprezzamento della valuta.

Se dovesse avere successo, sarà a scapito della domanda interna, che è un motore molto più importante della crescita nell’Eurozona. La triste realtà per la politica mercantilista è che l’Europa (come gli Stati Uniti) è un blocco ampio e relativamente chiuso: un’economia fiorente e dinamica richiede la comprensione di come sviluppare un’economia dall’interno.

È qui che nasce un problema intellettuale: come sviluppare endogenamente un’economia? L’UE e la sua ontologia del mercato unico si basano sull’idea che la “concorrenza” lo farà per noi. Aderisce all’intesa ordoliberista che, se esiste un quadro per la “concorrenza”, lo sviluppo segue automaticamente. Come suo parente intellettuale, vale a dire l’economia neoclassica, considera un mondo di concorrenza perfetta come un ideale desiderabile.

Tuttavia, se mai dovesse accadere, l’UE si troverebbe in un mondo di equilibrio, il che significa che tutto è così ottimizzato che, in sostanza, non accade nulla. Una teoria che prevede uno stallo come punto finale sembra offrire poco per comprendere lo sviluppo dinamico così com’è conosciuto negli ultimi 200 anni. Infatti, il progresso tecnologico, che guida lo sviluppo economico, è esogenizzato in modelli di crescita neoclassici. In altre parole, cade semplicemente dal cielo (o altrove), senza alcuna idea di come o perché si verifica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi