Banca Marche e il finanziamento per i disabili

Non tutti gli istituti di credito offrono finanziamenti a condizioni agevolate alle persone diversamente abili. Proprio per questo il prodotto di Banca Marche ha attirato la nostra attenzione ed è stato oggetto di questa recensione. Ovviamente consigliamo (come sempre) di leggere il fascicolo informativo (si può trovare in tutte le filiali della banca o, per comodità, a questo indirizzo web) prima di sottoscrivere il prodotto.

prestiti per disabili

Il prestito per disabili proposto da Banca Marche è un’interessante iniziativa nel panorama dei finanziamenti agevolati. Questo prodotto, infatti, viene proposto a condizioni particolarmente vantagiose ed è dedicato a tutte le persone diversamente abili ed è riservato esclusivamente al finanziamento dell’acquisto o dell’utilizzo di mezzi e strumenti necessari.

Vediamo nel dettaglio le principali caratteristiche:

1) Possibilità di ottenere fino ad un massimo di 30 mila euro con rimborso in max 60 mesi;

2) Sottoscrizione del prestito senza spese di istruttoria;

3) Tasso di interesse agevolato applicato al finanziamento;

4) Possibilità di finanziare l’acquisto e l’utilizzo di mezzi necessari al diversamente abile come da normativa (ossia a tutti quegli strumenti per cui è prevista la detrazione d’imposta);

Pro e contro del prestito disabili di Banca Marche

Gli aspetti che più mi piacciono di questo prodotto è la mancanza di spese accessorie e la possibilità di ottenere un tasso di interesse più basso rispetto a quelli solitamente applicati dalla banca.  Tuttavia devo sottolineare che il tetto fissato a 30 mila euro (come massimo importo richiedibile) potrebbe essere inadeguato per soddisfare le esigenze di molti clienti visto anche l’alto costo delle strumentazioni ed essi dedicate.

Nel complesso trovo che il prestito per persone disabili proposto da Banca Marche sia un prodotto di indubbio interesse da valutare con estrema attenzione.

Infine un’ultimo consiglio: per tutti coloro fossero alla ricerca di soluzioni a tassi agevolati consiglio di contattare l’A.N.D.I., l’Associazione Nazionale Disabili Italiani, per verificare che non vi siano delle agevolazioni anche con altri istituti di credito, o magari chiedere consiglio proprio a loro su come affrontare determinate spese. Oltre ai prestiti, infatti, spesso l’Associazione propone convenzioni anche in altri settori (assicurazioni, telecomunicazioni, ecc.) che permettono di ottenere dei notevoli vantaggi.

Add Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi