Chi è Raffaele Bonanni (quasi) ex segretario Cisl?

raffaele bonanniHa annunciato le dimissioni, con sei mesi di anticipo rispetto alla scadenza naturale del suo mandato, Raffaele Bonanni, segretario generale della Cisl. Una notizia anticipata da Dagospia, confermata da fonti vicine a Bonanni, e domani formalizzata nell’ambito dell’incontro in programma: favorita per la successione è Annamaria Furlan, già segretario generale aggiunto. Ma chi è Raffaele Bonanni? E come è diventato segretario Cisl?

Raffaele Bonanni nasce nel 1949 in Abruzzo. Diplomato ragioniere, inizia a lavorare come operaio in un cantiere edile, iscrivendosi, a 21 anni, alla Cisl (sindacato generale nato a sua volta, nell’immediato dopo guerra, da una costola della Cgil). Subito appassionato di attività sindacale, prosegue il suo impegno dapprima frequentando il “corso lungo” presso il centro studi che la Cisl ha a Firenze, e quindi recandosi in Sicilia, dove diventa un stretto e fidato collaboratore di Sergio D’Antoni, a sua volta successivamente eletto segretario generale della Cisl nel 1991 (l’incarico fu portato avanti fino al 2000, quando D’Antoni lasciò il suo posto al successore, Savino Pezzotta).

Bonanni nel 1981 diventa segretario generale della Cisl a Palermo, mentre 8 anni più tardi, nel 1989, diventa segretario generale della Cisl in Sicilia. Frequente, in quegli anni, è il suo impegno contro le infiltrazioni mafiose nel mondo del lavoro e nella vita pubblica. Due anni dopo, nel 1991, Bonanni si ritroverà alla guida della Filca, il sindacato federale dei lavoratori dell’edilizia, sempre nell’orbita della Cisl.

Il nuovo passo in avanti nella sua carriera da segretario è del 1998, quando – è il 16 dicembre – viene nominato membro della segreteria confederale della Cisl. Nel 2001 e – successivamente – nel 2005, viene quindi riconfermato come segretario confederale. Il 27 aprile 2006, come da pronostici, Raffaele Bonanni diventa nuovo segretario nazionale della Cisl succedendo, in tale carica, a Savino Pezzotta. Il 24 maggio 2009, con voto quasi unanime, Bonanni viene confermato per un secondo mandato alla guida dello stesso sindacato.

Il mandato di Bonanni alla guida della Cisl scadeva tra 6 mesi. La sua decisione di “prepensionarsi” potrà certamente garantire al successore l’avvio di una nuova stagione di rappresentanza sindacale, con una pianificazione di maggiore respiro. Una stagione che, in evidenza, si preannuncia particolarmente battagliera e non priva di complicazioni…

Add Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi