Agevolazioni per chi acquista casa e la dà in locazione

prima casaIl d.l. 133 del 12 settembre 2014, in vigore dal 13 settembre, ha introdotto una deduzione del reddito per quelle persone che procedono all’acquisto di unità immobiliari a destinazione residenziale, destinate alla successiva locazione. In questo caso, deve trattarsi di immobili di nuova costruzione o sui quali sono stati effettuati degli interventi di ristrutturazione edilizia, e devono essere ceduti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare e da cooperative edilizie o da quelle che hanno effettuato gli stessi interventi di ristrutturazione.

Leggi anche: Quali sono i requisiti per le agevolazioni prima casa

L’agevolazione, che scade il 31 dicembre 2017, prevede una deduzione pari al 20% del prezzo di acquisto dell’immobile risultante dall’atto di compravendita e spetta nel limite massimo complessivo di spesa di 300.000 euro. Il vantaggio così calcolato può ripartirsi in otto quote annuali di pari importo, a partire dall’anno in cui viene stipulato il contratto di locazione, e non è cumulabile con altre agevolazioni fiscali previste per le stesse spese.

In tal proposito, l’Agenzia delle Entrate ha ricordato che – pur restando il limite massimo cumulativo di 300 mila euro – l’agevolazione può spettare anche per la costruzione di un’abitazione su un’area edificabile già posseduta. Il contribuente potrà quindi condurre in deduzione le spese sostenute per la costruzione dell’unità da adibire a destinazione residenziale.

Leggi anche: Come perdere le agevolazioni prima casa

Per quanto concerne i requisiti utili per fruire dell’agevolazione, una nota dell’Agenzia delle Entrate sintetizzava che le condizioni sono le seguenti:

  • l’unità immobiliare acquistata o costruita non deve essere classificata o classificabile nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9
  • entro sei mesi dall’acquisto o dal termine dei lavori di costruzione, l’immobile deve essere concesso in locazione, per almeno otto anni continuativi, a canone non superiore a quello concordato o a quello convenzionale o a quello stabilito dalla legge che ha istituito i canoni speciali
  • tra locatore e locatario non devono esserci rapporti di parentela entro il primo grado
  • l’unità immobiliare deve essere a destinazione residenziale e non deve trovarsi nelle zone territoriali omogenee classificate E, ovvero in parti del territorio destinate ad usi agricoli
  • l’immobile deve conseguire prestazioni energetiche certificate in classe A o B.

Add Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi