Iva online, Unione Europea verso la riforma dell’e-commerce

Assunzioni qualificate: requisiti e modulisticaLa riforma tanto voluta dall’Unione Europea è in dirittura d’arrivo anche per l’Italia. Parliamo di un proposta che attualmente è al vaglio della Commissione e che mira a semplificare le procedure relative al pagamento dell’Iva sulle transazioni online e ad alleggerire il carico fiscale a favore delle start up.

La novità più importante riguarda però l’Iva online. La norma allo studio vuole infatti applicare una aliquota di favore anche sui libri venduti online: in base a quanto previsto dalla riforma, su pubblicazioni cartacee ed eBook l’aliquota scenderebbe fino al 4%! Prima di diventare attuativa, però, questa legge comunitaria dovrà essere approvata dal Parlamento europeo e successivamente trovare l’accoglimento da parte del Consiglio.

Riforma Ue su e-commerce e start up: i contenuti

Il testo è stato voluto per promuovere un’aliquota unica sulle vendite online, così da contrastare l’evasione fiscale sull’Iva online che attualmente si aggira intorno ai 5 miliardi di euro. L’obiettivo, pertanto, è quello di promuovere un’aliquota unica su qualsiasi transazione online, editoria digitale compresa, con l’applicazione di una Imposta sul Valore Aggiunto assolutamente di favore.

L’ambito più interessante sul quale questa misura si applicherà, riguarda il comparto editoria: se fino ad oggi i libri cartacei, quelli che acquistiamo normalmente in libreria, sono stati assoggettati a un’imposta del 4%, con la riforma Ue questa aliquota minima varrà anche sugli eBook.

Un’altra novità prevista, oltre a quella dell’Iva che scende di molto, riguarda le start up e le imprese: le realtà d’azienda che avranno un giro d’affari non superiore ai 10 mila euro annui potranno vedere applicata l’Iva nazionale e non quella del Paese all’interno del quale effettuano le vendite. Ciò vuol dire che 430mila piccole start up potranno beneficiare di ingenti risparmi anche sotto questo punto di vista.

Semplificazioni in arrivo anche per quanto attiene gli adempimenti Iva, che verranno unificati per le imprese che commerciano online (cosa attualmente già prevista per i servizi). E anche qui, i risparmi in arrivo sono consistenti: se fino ad oggi era necessario registrarsi in ogni paese in cui si vendeva la merce, e pagare contestualmente un costo di circa 8mila euro, oltre a pratiche burocratiche varie, con la riforma sull’e-commerce i costi verranno tagliati di un buon 95%!

Add Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi